home » esteri » Germania, il partito dei Pirati avanza nei sondaggi

Germania, il partito dei Pirati avanza nei sondaggi

30 aprile 2012versione stampabile

L’Europa della crisi deve fare i conti, più che con una ristrutturazione del sistema politico, con un radicale cambiamento nel rapporto tra movimento rappresentativo e votanti. In Germania il partito dei Pirati, che, come l’italiano movimento cinque stelle, ha come base fondamentale l’utilizzo di internet e della rete come dialogo partecipativo per proporre soluzioni politiche da adottare.

Dopo l’accesso alle elezioni amministrative di Berlino con circa il nove per cento, si preparano ad alzare la voce anche alle lezioni federali del 2013. Secondo i sondaggi sono già al nove per cento, per entrare in Parlamento basta il cinque per cento. I pirati, che si muovono nello cyberspazio e non hanno sedi tradizionali, adottano abiti echeggianti la pirateria e tutti hanno rigorosamente una folta barba nera. I detrattori li dipingono come misogini, data la scarsa presenza femminile nel movimento, e li indicano come rappresentanti di consuetudini di estrema destra. Invece loro attingono pienamente dal bacino di voti della sinistra, dall’elettorato deluso dai socialdemocratici e dai Verdi. Il partito dei Pirati si è riunito nel nord del Paese, a Neumuenster, in un’assemblea che ha attirato l’umorismo dei partiti tradizionali, ma che sembra sia destinato a far impennare le quotazioni del movimento, che vuole imporsi come terza forza politica. Lo spirito anti-establishment, le critiche dei detrattori, che imputano ai pirati la presunzione di chi ancora non ricopre cariche di responsabilità, sembra la stessa che colpì i Verdi nella loro entrata in politica nel 1980, che ora invece vengono criticati per essersi stabilizzati all’interno del sistema-governo.

Il primo punto del programma dei Pirati è quello di elargire un reddito di base per tutti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>