home » esteri » americhe » Messico, altri due giornalisti uccisi

Messico, altri due giornalisti uccisi

4 maggio 2012versione stampabile

I resti smembrati di Gabriel Huge e Guillermo Luna, i due giornalisti scomparsi tre giorni fa, sono stati ritrovati oggi al confine orientale dello Stato di Veracruz, con evidenti segni di tortura sul corpo. Secondo gli inquirenti gli omicidi sarebbero da attribuire ai narcotrafficanti.

I due cronisti, che lavoravano per il quotidiano locale ‘Notiver’, erano tornati di recente a Veracruz dopo aver lasciato lo Stato intimoriti dall’uccisione, avvenuta lo scorso anno, di due loro colleghi.
La regione di Veracruz, un tempo più sicura rispetto a quelle al confine statunitense è, ormai, diventata teatro di una sanguinosa battaglia per il controllo delle vie del traffico di droga tra le due più potenti gang criminali messicane – gli Zetas e il Cartello del Golfo.

Il Messico è  uno dei Paesi più pericolosi del Sudamerica, soprattutto per i giornalisti. Da quando, nel 2006, il presidente Calderòn ha lanciato la sua ‘guerra contro la droga’ si contano più di 45.000 vittime.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>