home » italia » Usa, 42 percento di obesi nel 2030

Usa, 42 percento di obesi nel 2030

9 maggio 2012versione stampabile

Secondo uno studio pubblicato dall’American Journal of Preventive Medicine, entro il 2030 il 42 percento dei cittadini americani sarà obeso. Trenta milioni di americani, corrispondenti all’undici percento della popolazione, sarà gravemente obeso.

Una situazione che farà lievitare i costi della sanità pubblica di 549,5 miliardi di dollari. “Se riuscissimo a limitare i casi di obesità, risparmieremmo tutti questi soldi”, ha detto il direttore dello studio Eric Finkelstein. Oggi, la percentuale degli adulti americani obesi si attesta al 35 percento.

L’obesità grave è in aumento in entrambi i sessi. Erano il 6,2 percento le donne gravemente obese nel 1999, 8,1 percento nel 2010. Gli uomini erano il 3,1 percento nel 1999 e 4,4 percento nel 2010. Secondo Finkelstein, la situazione attuale è stata determinata dalla possibilità per milioni di americani di avere uno stile di vita agiato e inattivo in concomitanza con l’accesso a cibi ipercalorici.

Gravemente obeso è chi ha un indice di massa corporea superiore a 40 o che è, grosso modo, di 40 chili in sovrappeso.

Il peso medio di un americano è aumentato di oltre dieci chili rispetto a sessanta anni fa. I maschi americani pesano quasi 88 chili, le donne 74. Un motivo di allarme soprattutto per le compagnie aeree, che hanno stilato protocolli di sicurezza per i sedili negli anni ’50-’60, e adesso si trovano a fare i conti con passeggeri obesi e seggiolini a rischio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>