home » esteri » americhe » Usa, il Vaticano attacca Obama sui matrimoni gay

Usa, il Vaticano attacca Obama sui matrimoni gay

10 maggio 2012versione stampabile

Obama apre ai matrimoni gay e il Vaticano non resta a guardare. L’Osservatore Romano, con un articolo che riprende quanto già espresso dalla Conferenza Episcopale degli Stati Uniti, definisce il “matrimonio tra uomo e donna” come una “pietra angolare” per gli Usa.

Secondo il giornale vaticano, le parole del presidente  ”sono state giudicate da parte della Conferenza episcopale ‘profondamente rattristanti’; il cardinale arcivescovo di New York, Timothy Michael Dolan, presidente della United States Conference of Catholic Bishops, ha diffuso una nota nella quale ‘si ribadisce il valore fondamentale del matrimonio e la necessità di tutelarne la tradizionale definizione, quale unione fra un uomo e una donna’”.

“Ricordando, in particolare, un lettera inviata allo stesso presidente Obama il 20 settembre 2011 – scrive ancora l’Osservatore romano – il cardinale Dolan afferma che ‘i vescovi cattolici sono pronti a dare sostegno a ogni intervento adottato dall’amministrazione volto a rafforzare il matrimonio e la famiglia. Tuttavia non possiamo rimanere in silenzio di fronte a parole o azioni che minerebbero l’istituzione del matrimonio, la vera pietra angolare della nostra società. La gente di questo Paese, specialmente i nostri figli, meritano di meglio’”.

One Response to Usa, il Vaticano attacca Obama sui matrimoni gay

  1. Francesco Rispondi

    10 maggio 2012 at 21:40

    La gente di questo Mondo, specialmente i nostri figli, meritano di meglio di persone che la pensano come Timothy Michael Dolan e suoi fedeli scagnozzi sparpagliati per la terra che sputano costantemente e senza vergogna su chi è semplicemente diverso e lontano dalle proprie idee stantie e arrugginite. Voi non avete niente a che fare con la religione, siete ciò che più di lontano esiste dal rappresentare valori sani e giusti, siete usurpatori di un concetto che pensate di rispecchiare e difendere ma con il quale non avrete mai niente a che fare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>