home » esteri » americhe » Usa, la conquista del ciberspazio

Usa, la conquista del ciberspazio

4 giugno 2012versione stampabile

Luca Galassi

La frontiera della difesa cibernetica statunitense si chiama Piano X. E’ un progetto sviluppato dal Pentagono e ha l’ambizioso obiettivo di mappare l’intero ciberspazio per difendersi dalle minacce telematiche.

Afp/Getty Images

Il Piano X è l’ultima creazione della Darpa, l’Agenzia di ricerca per i progetti di difesa avanzata, una divisione del Pentagono che concentra i suoi sforzi sul potenziamento della rete di computer – anche civile – per sostenere lo sforzo bellico americano. La strategia è diversa rispetto al passato: le operazioni di una volta consistevano nel proteggere il sistema informatico del Dipartimento della Difesa. Oggi l’approccio è più aggressivo: individuare le minacce nemiche e distruggerle. Come? Anche con l’aiuto del settore privato, delle università e perfino delle industrie di videogiochi. La Difesa ha infatti lanciato un bando per individuare i migliori progetti di ciber-difesa.

Questa estate verrà lanciato un piano quinquennale da 110 milioni di dollari per sviluppare una mappa avanzata che dia conto, nel dettaglio, di miliardi di computer, aggiornandosi continuamente. La mappa servirà per identificare i bersagli e disattivarli attraverso Internet o altri mezzi.

Altra finalità è la creazione di un sistema operativo in grado di lanciare attacchi e sopravvivere ai contrattacchi. Per il nuovo hardware i militari parlano dell’equivalente di un carro armato, paragonando gli attuali sistemi operativi a ‘macchine sportive’.

Gli attacchi saranno condotti dallo Us Cybercommand, un organismo lanciato nel 2010 e ospitato presso la National Security Agency. “Le origini della guerra cibernetica sono legate alla comunità dell’intelligence”, spiega al Washington Post il direttore della Darpa, Kaigham Gabriel. L’agenzia sarà interamente funzionale alle necessità del Pentagono, con un budget quinquennale di 1,54 miliardi di euro dal 2013 al 2017.

La mappa, aggiornata ogni microsecondo, darà l’immagine esatta dell’intero ‘ciberspazio’, mostrando connessioni di rete, analizzando la capacità di un router di condurre attacchi, suggerendo strade, alternative a quelle minacciate, per il traffico on-line di utenti civili e militari.

Ma il Piano X contempla anche lo sviluppo di tecnologie che consentiranno a un comandante di pianificare e lanciare un attacco e controllare l’evoluzione dei ciber-attacchi nemici. I militari avranno la possibilità di predire e quantificare i danni di un attacco, attraverso un sistema di emergenza in grado di limitare i danni alle infrastrutture civili, come un impianto per la produzione di energia o un’infrastruttura di trasporti. Comodamente seduti al computer, schiacciando un tasto si potrà interrompere la corrente elettrica, far esplodere fabbriche e mettere fuori uso la contraerea di altri Paesi, agendo unicamente nello spazio cibernetico.

“E’ tempo che i generali smettano di pensare in termini di navi, carri armati, aerei – spiega James Cartwright, a sua volta generale in pensione –, ma riflettano sulla necessità di nuove difese, così come di nuovi attacchi, non più basati sulla forza bruta, ma sulla possibilità di raggiungere migliaia di obiettivi nel più breve tempo possibile. E senza sganciare una sola bomba”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>