home » multimedia » The Rat Tribe/VII Magazine

The Rat Tribe/VII Magazine

21 luglio 2012versione stampabile

foto di Sim Chi Yin

Non appena il sole cala sul cielo grigio di smog di Pechino. Sotto un anonimo appartamento bordeaux, Jiang Ying, 24 anni, si stiracchia sul sul letto dopo aver dormito tutto il giorno. Il giorno è la notte e la notte è il giorno. In un mondo senza finestre, vive tre piani sotto la superficie della città.
Minuta e con i capelli sparati, Jiang Ying è una del milione di lavoratori migranti che si stima abitino il sottosuolo di Pechino. Come i milioni di cinesi che arrivano nella capitale da tutto il Paese con sogni di rivalsa, ha lasciato Pinyin, una regione autonoma a nord della CIna, tre anni fa e ora lavora in un bar nel cuore della nightlife pechinese. Ma nonostante ciò, fa fatica a far quadrare i conti.
A fronte degli altissimi prezzi degli immobili, la clandestinità è spesso l’unica opzione per questa legione di lavoratori sotto salariati, che costituiscono un terzo della popolazione di Pechino.

VII Magazine

2 Responses to The Rat Tribe/VII Magazine

  1. Rossella Rispondi

    25 luglio 2012 at 07:54

    Questo MONDO, questo modo di vivere,FA SEMPRE PIU’ PAURA ,sono ignorante non parlo e/o leggo l’inglese, ma tutto ciò mi toglie la speranza di un mondo migliore ,per tutti, ALLA LUCE DEL SOLE .ci riduciamo a diventare macchine per sopravvivere in un vortice di folle produzione, muore la luce dentro di noi….. non basta più neanche la Preghiera.

  2. Mirko Rispondi

    26 luglio 2012 at 00:46

    RACCAPRICCIANTE, MA PURTROPPO ANCHE REALE,COMUNQUE LA COLPA IN PRIMA PERSONA CE L’HA SEMPRE E COMUNQUE L’UOMO COME COME SEMPRE RENDE TUTTO UNO SCHIFO.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>