home » disarmo » #noallespesemilitari / IL DOSSIER

#noallespesemilitari / IL DOSSIER

27 luglio 2012versione stampabile


Segnala gli sprechi, istruzioni per l’uso

Clicca qui per segnalare al Governo le spese militari, la parata del 2 giugno, i caccibombardieri F35…


A come aerei da guerra: 10 miliardi di euro per novanta cacciabombardieri F-35 e 5 miliardi per completare la flotta di novantasei caccia Eurofighter

B come blindati: 1,6 miliardi per duecentocinquanta carri Freccia

D come droni: 1,3 miliardi per otto aerei senza pilota

E come elicotteri da guerra: 4 miliardi per cento elicotteri Nh-90

G come guerra in Afghanistan: 800 milioni all’anno

M come manutenzione: 1,4 miliardi all’anno per spese di esercizio mezzi e strutture e formazione personale

N come navi da guerra: 5 miliardi per dieci fregate multiruolo ‘Fremm’ e 1,5 miliardi per due fregate ‘Orizzonte’

P come programmi informatici militari: 12 miliardi per il sistema digitale dell’esercito ‘Nec’

S come sommergibili: 1 miliardo per due sottomarini U-212

U come uomini: 9,4 miliardi di euro all’anno di spese per gli stipendi del personale

(Fonte:  Rete Italiana per il Disarmo)

 

C’eravamo tanto armati

DA E – IL MENSILE. Costa molto ed è anche difficile calcolare quanto, visto che i finanziamenti sono disseminati di qua e di là.
Dovrebbe, come tutte le uscite pubbliche, subire forti tagli, ma c’è il sospetto che siano solo dilazioni.
Si consente il lusso di acquistare aerei – gli F-35 – di cui non si riesce neanche a calcolare il prezzo finale perché sta lievitando: per ora siamo sui 15 miliardi di euro.
È il capitolo delle spese militari che ci vede ai primi posti di un mondo che investe sempre di più sulla guerra

 

Fregate in arrivo

DA E – IL MENSILE. Non solo aerei F-35. L’Italia ha stanziato più di cinque miliardi di euro per dieci modernissime navi militari. Un ottimo affare per Finmeccanica e una garanzia per gli operai di Fincantieri. Con l’eterno paradosso che anche i sindacati, come antidoto alla crisi, difendono la scelta del riarmo

 


Quale è lo spreco più grande? (due risposte possibili)

  • Le spese militari (76%, 896 Voti)
  • I privilegi della classe politica (44%, 516 Voti)
  • Le grandi opere (Tav, ponte sullo Stretto) (32%, 373 Voti)
  • Il finanziamento ai partiti (23%, 270 Voti)
  • Le province (6%, 67 Voti)
  • Gli aiuti alle grandi imprese (3%, 37 Voti)
  • Il finanziamento ai giornali (2%, 21 Voti)

Totale Votanti: 1.179

Caricamento ... Caricamento ...

 

Italia, nuove spese militari in vista

Italia, nuove spese militari in vista

La Difesa vuole dotarsi dei più avanzati missili e bombe aeree made in Usa per armare la sua flotta di velivoli senza pilota, finora usata solo per missioni di ricognizione, e spedirla in Afghanistan

 

2 giugno, lettera a Napolitano: ripudiamo la guerra

2 giugno, lettera a Napolitano: ripudiamo la guerra

Il movimento nonviolento invita tutti a scrivere una lettera al Presidente della Repubblica per chiedere di restituire al 2 Giugno la forza dirompente e smilitarizzata della nostra Repubblica, fondata sul lavoro

 

La verità della Corte dei conti Usa sugli F-35

La verità della Corte dei conti Usa sugli F-35

Per il Gao, i caccia sono gravemente difettosi e richiederanno modifiche progettuali che ne faranno lievitare ulteriormente i costi

 

Milano “ripudia” la guerra, e dice no agli F-35

Milano “ripudia” la guerra, e dice no agli F-35

Il Comune del capoluogo lombardo chiede al governo di bloccare l’acquisto dei cacciabombardieri. Pisapia: “Uno spreco contrario alla Costituzione”

 

Italia, per la Marina Militare una lista della spesa da 132 milioni

Italia, per la Marina Militare una lista della spesa da 132 milioni

Contratti d’oro per Finmeccanica, Aermacchi e Agusta Westland, mentre si discute ancora di pensioni ed esodati. Il ‘conforto spirituale’ dei soldati costerà 15 milioni di euro soltanto per quest’anno

 

Asimmetria bellica e asimmetria sociale

Asimmetria bellica e asimmetria sociale

Sinceramente non c’è da sperare che il governo dei tecnici – o dei “saputelli” visti alcuni suoi esponenti – sia in grado di risolvere i mille nodi

 

Italia, “I dati sull’acquisto del caccia F-35 sono tutti sbagliati”

Italia, “I dati sull’acquisto del caccia F-35 sono tutti sbagliati”

La campagna ‘Taglia le armi’: “Nessuna ricaduta sull’occupazione e costi maggiori di quelli dichiarati”

 

 

Italia, tagli alla difesa: non solo F-35

Italia, tagli alla difesa: non solo F-35

Bene! Adesso anche il mainstream si sta un po’ occupando dei tagli alle spese per la guerra. Da noi giornali e (alcuni) telegiornali hanno iniziato a parlare della vicenda F-35

 

Il presunto taglio del numero degli F35 non è un risparmio!

Il presunto taglio del numero degli F35 non è un risparmio!

La notizia che il governo Monti intenderebbe rivedere la decisione di acquistare i bombardieri-caccia F35 della Lockheed-Martin riducendone il numero, non è una buona notizia

 

Perché gli F-35 non servono

Perché gli F-35 non servono

Per anni tutti i partiti presenti in parlamento hanno strenuamente difeso il folle programma militare F-35, sostenendo la necessità di spendere oltre 13 miliardi di euro per dotarci di 131 cacciabombardieri

 

F-35: nessuna penale se si abbandona il programma

F-35: nessuna penale se si abbandona il programma

Se l’Italia volesse uscire dal programma d’acquisto di 131 cacciabombardieri d’attacco Joint Strike Fighter F-35, non dovrebbe pagare nessuna penale. La conferma arriva dall’inchiesta effettuata per Altraeconomia da Francesco Vignarca

Crisi? Spese militari, in aumento. Nel 2011 in Italia oltre 20 mld

Crisi? Spese militari, in aumento. Nel 2011 in Italia oltre 20 mld

Ai 20 miliardi e mezzo di euro del 2011, però, spiega Maurizio Simoncelli, vicepresidente dell’Archivio Disarmo, vanno aggiunti circa 3 miliardi di euro inscritti nei bilanci di altri ministeri per scopi militari

 

Italia, Camera approva rifinanziamento missioni militari

Italia, Camera approva rifinanziamento missioni militari

Con 415 voti favorevoli, 72 contrari e 11 astenuti, Montecitorio ha dato il via libera anche al finanziamento di un altro anno di guerra in Afghanistan al costo di 780

 

5 Responses to #noallespesemilitari / IL DOSSIER

  1. democrazy Rispondi

    8 maggio 2012 at 14:03

    1 spreco: “I parlamentari di Camera e Senato sono stati Commisariati dalla comunità Europea perchè incapaci di prendere contromisure aduguate alla crisi Italiana,quindi TUTTI costoro vanno mandati a casa senza stipendio,e in base alla durata della loro permanenza,cioè all’anzianità di presenze in parlamento dovranno pagari i danni procurati allo Stato Italiano.
    2″i Tecnici che sono stati chiamati a salvare l’Italia stanno fallendo miseramente e quindi vanno mandati a casa senza stipendio.”
    3 i Contributi elettorali ai partiti(tra le prime cause della crisi) vanno tolti con effetto retroattivo e messi in un fondo salva imprese(piccoli artigiani ed imprese sotto i 20 dipendenti”
    4 Sospensione immediata di tutte le Missioni di guerra in cui è coinvolto l’esercito Italiano…L’italia ripudia la Guerra!!(è scritto nella nostra Costituzione)
    5 Sospensione immediata di tutte le spese Militari.
    6 Sospensione immediata di tutte le concessioni di Aziende Pubbliche in mano ai privati..Autostrade,Ferrovie,Poste,Telecomunicazioni devono tornare propietò dei cittadini italiani.
    7 Sospensioni Immediata di tutti gli aiuti finanziari alle grosse Imprese(basta mantenere la Fiat che va a produrre in Brasile,Polonia o America coi soldi delle tasse degli italiani)
    8 Nazionalizzazione delle magiori Banche
    9 Sovranità Monetaria
    10 Sovranità territoriale(fouri dalle palle la NATO)(che non paga ne tasse,ne bollette e può fare quello che vuole in Territorio italiano,mettendo in pericolo la salute dei cittadini)
    11 Stop a costruzione di Inceneritori e Discariche.

  2. arianna Rispondi

    9 maggio 2012 at 09:09

    Ed è proprio qui che principalmente finiscono le nostre tasse! Bello schifo! Io vorrei che andassero alla sanità, all’istruzione, alla cultura, alla ricerca, ai lavoratori e a tutte le strutture di assistenza. Ma esiste un modo che ci permette di indirizzare i nostri contributi a chi decidiamo noi? Io voglio dire BASTA agli sprechi e BASTA al sostentamento dell’esercito e BASTA contribuire alla creazione di uno stato militare fallimentare e diseducativo! STOP ALLA MILITARIZZAZIONE!

  3. bruno piantedosi Rispondi

    13 maggio 2012 at 09:02

    nell’elenco degli sprechi manca la religione. io penso che la religione sia l’unica azienda che privatizzerei ovvero chi proprio non ne può fare a meno che se la paghi. qualche miliardo di euro che protremmo usare per la scuola e la sanità.

  4. Alessio Sportaro Rispondi

    29 luglio 2012 at 14:06

    democrazy le spese militari comprendono anche i carabinieri e se vi leggete l’ articolo 52 le forze armate vanno parte della costituzione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>