home » diritti » Siria, Aleppo attaccata dagli elicotteri del regime

Siria, Aleppo attaccata dagli elicotteri del regime

27 luglio 2012versione stampabile

La rivolta in Siria è degenerata, e questo sembra ormai un dato di fatto. Per la prima volta dall’inizio dello scoppio del conflitto, questa notte le forze fedeli al regime si sono scontrate con l’esercito giordano lungo il confine tra i due Paesi. Gli stessi attivisti siriani stanno pubblicando ancora in queste ore i video dei combattimenti notturni.

Pierre Torres/AFP/GettyImages

Il cuore della guerra civile sembra ormai essere diventato Aleppo, dove ormai molti quartieri sono stati attaccati dagli elicotteri delle forze leali al regime.

Forti combattimenti tra ribelli ed esercito sono in corso soprattutto nei quartieri di Salaheddin e al-Azamiye (sud-ovest), Kasr el-Bustan, al-Mashhad e al-Soukkari (a sud), che sono stati mitragliati dagli elicotteri. Le cose, però non vanno meglio nemmeno ad al-Jamiliye’, a Mahatat Baghdad e Saadallah al-Jabiri.

Ad ardere è ormai tutta la Siria. Pesanti bombardamenti di artiglieria sono ripresi in mattinata anche contro alcuni quartieri di Damasco e i capoluoghi meridionale di Daraa e orientale di Dayr az Zor. Sei sono le persone che hanno perso la vita fino a questo momento. Almeno secondo gli ultimi dati diffusi dai Comitati di coordinamento locale degli attivisti.

A Damasco nei giorni scorsi sono ricomparse anche le “cannoniere volanti”, elicotteri d’assalto che hanno raso al suolo interi quartieri. Secondo quanto riferito dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell’opposizione in esilio con sede nel Regno Unito, l’epicentro dei combattimenti nella capitale è diventato soprattutto il campo profughi palestinese di Yarmouk, nella periferia sud. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni oculari, i fedeli al regime stanno facendo massiccio uso di mitragliatrici pesanti e di lancia-granate. Massacrata dalle artiglierie anche Deir Ezzor, nella parte orientale della Siria.

L’Alto commissario Onu per i Diritti Umani, Navi Pillay, ha intanto espresso profonda preoccupazione per la crescente minaccia per i civili in Siria con l’intensificarsi del conflitto e l’escalation di violenza soprattutto nelle due città più grandi del Paese, Damasco e Aleppo. Quest’ultima, in particolare, è la città che più sembra rischiare un forte ed imminente scontro.

2 Responses to Siria, Aleppo attaccata dagli elicotteri del regime

  1. Ivan Guillaume Cosenza Rispondi

    27 luglio 2012 at 15:24

    Ma pechè negli articoli riguardanti la Siria si parla sempre e solo dell’uso della forza da parte del regime? I continui sabotaggi armati effettuati dai ribelli non contano? Si tratta di attentati contro le sedi televisive, le centrali elettriche, oleodotti e gasdotti. Anche alcuni massacri di civili sembrerebbero opera dei rivoltosi (ci sono molti articoli oltre alle testimonianze dirette di Marinella Correggia e Joe Fallisi).

    Riconoscete anche voi che l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani opera dal Regno Unito: come può avere credibilità insieme al “terrorismo mediatico” di Navy Pillay o della Clinton?

    Inoltre credete che se in Italia si facesse la stessa cosa con mitragliatrici e bazooka (giunti oltre confine) l’esercito starebbe lì a guardare? Che processo di democratizzazione reale sarebbe?

    Mi spiace che la vostra redazione chiuda in questi giorni ma devo ammettere che riguardo la situazione siriana avete operato contro la ricerca di una verità equilibrata che favorisse il dialogo e non la gogna mediatica cara ai recenti guerrafondai.

    Complimenti per tutto il resto: dagli ottimi articoli di Enrico Piovesana ai dossier sul binario 21, dal supporto ai No TAV alle inchieste sul G8 di Genova 2001.

    Spero a presto!

  2. emilio Rispondi

    28 luglio 2012 at 15:06

    non conosco questo sig. ivan cosenza. comunque lo consiglio di andare a documentarsi sulla nostra resistenza partigiana contro i fascisti della repubblica di salò e la ghestapo tedesca, che definiva i nostri eroici partigiani dei banditi e poi, dopo una attenta meditazione potrà smettere di pronunciare fior di cazzate…!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>