home » esteri » asia e pacifico » Cina, manifestanti villaggio assediato incontreranno le autorità

Cina, manifestanti villaggio assediato incontreranno le autorità

20 December 2011versione stampabile

Per domattina alle nove a Wunkan, villaggio nel sud della Cina, è previsto un incontro dei residenti che protestano da giorni contro le confische forzate di terre da parte del governo e le autorità locali.

All’incontro seguirà una nuova manifestazione, in programma per le due del pomeriggio. Su internet tuttavia si diffonde il timore che il tentativo di dialogo dei vertici locali, che hanno anche promesso la scarcerazione degli arrestati dei giorni scorsi e la rimozione dell’assedio della città, sia in realtà una mossa per distogliere l’attenzione dei media internazionali dalle vicende cinesi.

Sul web hanno iniziato a circolare anche immagini di ragazzi che protestano in altre città a sostegno della rivolta di Wukan.

Intanto, a poco più di cento chilometri da Wukan, ad Haimen, ci sarebbero stati altri scontri durante una manifestazione contro la costruzione di una centrale elettrica. I residenti ritengono che la centrale sarebbe gravemente inquinante.

Sui cosiddetti “microblog”, sostituti cinesi di Twitter, bloccato dalla censura, stanno circolando messaggi che riferiscono di violenze perpetrate dalla polizia, che avrebbe picchiato i manifestanti e sparato lacrimogeni. I blog cinesi hanno anche diffuso foto che ritraggono i manifestanti con i cartelli contro la centrale e diverse persone ferite.