home » economia » Cina e Giappone abbandonano il dollaro

Cina e Giappone abbandonano il dollaro

28 December 2011versione stampabile

Enrico Piovesana

Giornali e Tg non ne parlano, ma per gli ambienti finanziari globali è la notizia-bomba di queste festività natalizie: la seconda e la terza economia mondiale, Cina e Giappone, hanno siglato un accordo che prevede l’abbandono del dollaro americano come valuta utilizzata negli scambi commerciali tra le due nazioni asiatiche, consentendo quindi un interscambio direttamente in yen e yuan.

Finora, circa il 60 per cento degli scambi commerciali tra Cina e Giappone vengono regolati in dollari. L’intesa, siglata lunedì a Pechino al termine dell’incontro tra il premier cinese Wen Jiabao e il primo ministro giapponese Yoshihiko Noda, è un chiaro segnale di sfiducia delle due potenze economiche asiatiche nei confronti della travagliata area euro-dollaro.

Questa mossa viene interpretata dagli economisti come il primo passo concreto del governo di Pechino per far diventare la moneta cinese, lo yuan (o renminbi), una valuta di riserva globale sostitutiva al dollaro. Cosa attualmente non ancora possibile, vista la non completa convertibilità della valuta cinese.

Per il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, il patto Cina-Giappone rappresenta una sfida che evidenzia l’importanza di una ”Europa unita e di una moneta comune che ci dà buone chanches di perseguire i nostri interessi e l’opportunità di realizzarli a livello mondiale”.

One Response to Cina e Giappone abbandonano il dollaro

  1. Roberto Ruggeri

    30 December 2011 at 00:28

    Sono tremendamente allarmato perchè questa decisione Cino-Giapponese mi sembra strettamente collegata con la rinnovata tensione tra Iran e Stati Uniti.
    Forse gli Usa stanno creando una scusa per una guerra contro L’Iran che preceda una successiva guerra mondiale cintro la Cina?