home » diritti » Grecia, il morso della crisi sulla sanità

Grecia, il morso della crisi sulla sanità

28 December 2011versione stampabile

Nicola Sessa

Atene è alla prese con le forbici dell’austerità. Lo spettro della povertà ha preso forme ben delineate. Il taglio degli stipendi e delle pensioni del 20 per cento, il licenziamento di 30 mila statali (e di altri 150 mila richiesti dalla troika Ue-Fmi-Bce nel prossimo triennio), le tasse pesantissime sulla casa (20 euro per metro quadrato) forse non saranno sufficienti a tenere la Grecia all’interno dell’Eurozona, ma sicuramente sprofonderanno nella miseria milioni di greci. Non sono poche le famiglie che sono già costrette a vivere senza luce e senza acqua: o si pagano le bollette o si acquista da mangiare.

La Grecia ha davanti a sé la titanica impresa della ristrutturazione di un debito – pari a 357 miliardi di euro – da compiere entro l’inizio della primavera prossima. Il dato che, secondo il Fmi, nelle casse di Atene ci siano solo 11 miliardi di euro e le previsioni pessime sul prodotto interno lordo per i prossimi anni, sarebbero da soli sufficienti a definire come impossibile il raggiungimento del risultato. A questo si aggiunga la riluttanza degli istituti di credito esposti sul debito greco a tagliare significativamente il valore nominale delle obbligazioni in loro possesso.

In gioco, però, non ci sono solo gli interessi finanziari dei grandi investitori, ma anche la vita e la salute dei greci. Le forbici dei tagli sono infatti arrivate a toccare, drasticamente, anche la sanità: un esempio su tutti è il taglio di budget a cui sarà sottoposto il più grande ospedale di Atene che dai 286 milioni di euro per il 2011 scenderà a 138 miioni di euro per il 2012. Questo si traduce in un abbassamento della qualità e della quantità dei servizi per l’ospedale, una scelta obbligata tra lo stare bene e il sopravvivere, per i cittadini. O tra il vivere e il morire. In un’intervista per il Nyt Elias Sioras, dottore all’ospedale Evagelismos, ha dichiarato che, di fatto, la sanità in Grecia non è più un diritto: “Se hai soldi, puoi accedere alle cure mediche. Altrimenti resti fuori”. Tanti pazienti, inoltre, avrebbero rinunciato a interventi chirurgici perché troppo costosi e “qualcuno – ha affermato Sioras – è morto per questo motivo. Questa è la conseguenza della crisi finanziaria. E il peggio deve ancora venire”.

Molte persone che non possono permettersi il ticket di 5 euro si rivolgono a diverse Ong mediche che operano sul territorio greco. Mèdicins du Monde per anni ha provveduto a curare gratis migranti e richiedenti asilo in Grecia, porta d’ingresso per l’Europa: nell’ultimo anno i greci che si sono rivolti alla struttura della ong hanno superato i migranti, che nella situazione in cui versa il Paese, sono diventati – se possibile – ancora più ultimi.

Se pure in misura non così drammatica, anche Emergency fornisce un dato che deve far suonare il campanello d’allarme. Nel poliambulatorio di Marghera, anch’esso aperto prevalentemente per assistere migranti e richiedenti asilo, nel 2011 il 20 per cento delle prestazioni mediche sono state fornite a italiani. Anche in Italia, la sanità non è alla portata di tutti. Un indicatore, questo, che fa presagire un futuro difficile per la società italiana.

One Response to Grecia, il morso della crisi sulla sanità

  1. senzaverso

    29 December 2011 at 00:16

    Ottimo articolo di riepilogo sulle profonde ferite inferte alla maggior parte dei greci. Se non cambiamo modello di sviluppo queste situazioni saranno endemiche.