home » esteri » Turchia, raid militare uccide 35 persone nel sud-est del Paese

Turchia, raid militare uccide 35 persone nel sud-est del Paese

29 December 2011versione stampabile

Alcuni aerei da guerra turchi durante la notte hanno compiuto un attacco nel sud est della Turchia, nei pressi del confine iracheno, uccidendo 35 persone. Lo riferiscono fonti ufficiali all’agenzia Reuters. Sembra che i militari turchi abbiano scambiato alcuni contrabbandieri per militanti del Partito dei lavoratori  del Kurdistan (Pkk).

I raid contro militanti curdi si sono intensificati dopo un attentato messo in atto dal Pkk lo scorso agosto, in cui avevano perso la vita 24 militari turchi. Il partito pro-curdo per la pace e la democrazia (Bdp) ha riferito che le persone che hanno perso la vita sarebbero 35. L’autorità locale ha condannato con forza la strage: “Lo Stato sapeva che queste persone facevano contrabbando nella regione. Questo tipo di incidente è inaccettabile”, ha detto Fehmi Yaman, sindaco di Uludere, nella provincia di Sirnak. Una fonte delle forze di sicurezza si difende: “C’erano voci secondo cui il Pkk avrebbe attraversato questa regione. La scorsa notte sono state registrate immagini di un folto gruppo che passava, quindi è stata condotta un’operazione. Non potevamo sapere se queste persone fossero membri del Pkk o contrabbandieri”.

Sembra che le vittime provenissero da Uludere e stessero percorrendo un percorso comune ai contrabbandieri trasportando taniche di gasolio su dei muli: i cadaveri sono stati trovati sul lato iracheno del confine. L’agenzia di stampa Firat riferisce che le vittime avevano tra i 17 e i 20 anni.

Il Pkk esiste dal 1984 ed è considerato un’organizzazione terroristica dalla Turchia, dall’Unione europea e dagli Stati uniti. Turchia e Iran hanno spesso avuto scontri con i ribelli nella regione: nel conflitto sino ad ora hanno perso la vita più di 40.000 persone.