home » esteri » Cipro, Ankara minaccia il ritiro delle truppe dalla Bosnia

Cipro, Ankara minaccia il ritiro delle truppe dalla Bosnia

5 January 2012versione stampabile

La Turchia ha ammonito che sarebbe pronta a ritirare le sue truppe in Bosnia se dovessero essere attribuiti alla Repubblica di Cipro alcuni incarichi della presidenza Ue. Lo riferiscono i media greco-ciprioti citando fonti turco-cipriote. La Danimarca detiene attualmente la presidenza dell’Unione Europea ma non è membro dell’Agenzia per la difesa europea (Eda), organo Ue che si occupa di politica estera e di sicurezza comune. Ha incaricato pertanto Nicosia di presiederla in sua vece. Ma Ankara, al riguardo, ha minacciato il congelamento dei rapporti con l’Unione europea perché si rifiuta di riconoscere la Repubblica di Cipro come unico governo dell’isola, riconosciuto a livello internazionale. La Turchia avrebbe anche dichiarato che, nel caso in cui realmente la Repubblica di Cipro fosse insignita dell’incarico, potrebbe ritirare le proprie truppe all’interno del contingente Nato in Bosnia, dispiegate dopo l’intervento dell’Alleanza atlantica nel 1990. “La Turchia sta valutando la possibilità di ritirare i propri militari dalla regione o si mantenere il loro numero al minimo”, hanno riferito fonti della Repubblica turca di Cipro nord (Rtcn). L’Rtcn è una repubblica autoproclamata dopo l’occupazione dell’esercito turco nel 1974 e riconosciuta solamente dalla Turchia.

One Response to Cipro, Ankara minaccia il ritiro delle truppe dalla Bosnia

  1. senzaverso

    12 January 2012 at 23:38

    Sembra allontanarsi la politica estera del buon vicinato alla ricerca di una leadership nel Medio Oriente e nell’area dell’Islam. Forse anche per i dinieghi a cominciare dai vincitori delle elezioni tunisine ed egiziane che rifiutano il modello della democrazia islamica di Ankara