home » esteri » asia e pacifico » Cina, azienda che produce i Phone non paga sussidi: lavoratori minacciano suicidio

Cina, azienda che produce i Phone non paga sussidi: lavoratori minacciano suicidio

10 January 2012versione stampabile

Nella giornata di ieri, per alcune ore, un centinaio di lavoratori della Foxconn (l’azienda taiwanese che produce in Cina gli iPhone e iPad) hanno manifestato sul tetto di una delle strutture della società, minacciando di lanciarsi nel vuoto in caso di mancato versamento del sussidio per la disoccupazione promesso dall’azienda. A riferirlo fonti delle associazioni per i diritti civili.

La protesta era iniziata ieri, dopo che la direzione dell’azienda aveva rifiutato di pagare l’indennità a 300 dipendenti dello stabilimento di Wuhan, capoluogo della provincia dell’Hubei, il 3 gennaio scorso.

La stessa fabbrica era stata teatro nei mesi scorsi di di una serie di suicidi tra i suoi dipendenti. Il fatto aveva messo in allarme anche il sindaco di Wuhan, che si è recato personalmente sul posto per cercare di portare avanti una trattativa e convincere i dipendenti a cambiar idea. Alle nove di sera di ieri, dopo ore di colloqui, tutti i dipendenti sono tornati al lavoro.

One Response to Cina, azienda che produce i Phone non paga sussidi: lavoratori minacciano suicidio

  1. MIKIGAGA

    10 January 2012 at 18:30

    mi piacerebbe che la Apple, che fanno pagare un capitale i loro prodotti pagassero loro!