home » esteri » americhe » Texas: polizia a scuola per mantenere l’ordine. Anche in classe

Texas: polizia a scuola per mantenere l’ordine. Anche in classe

12 January 2012versione stampabile

Il Texas ha istituito un corpo di polizia per le scuole, con ufficiali in divisa armati, che mantengono l’ordine in mense, campi da gioco e – in caso di necessità – anche durante le lezioni. Riporta la notizia il quotidiano britannico Guardian.

Una ragazza dileggiata dai compagni che la insultavano perché “puzzava” si è cosparsa di profumo ed è stata arrestata con l’accusa di reato penale minore. Dovrà presentarsi in tribunale, come centinaia di studenti in Texas, per cattiva condotta, turpiloquio, disordini sullo scuolabus o risse in cortile. L’aumento della criminalità minorile ha intensificato le misure di sorveglianza e repressione dei giovani studenti statunitensi, e se negli anni Novanta la tolleranza zero era applicata quasi esclusivamente ai minori spacciatori, oggi non rispettare le regole e la legge può portare a multe, affidamento ai servizi sociali e persino carcere. Due anni fa, in Texas, gli agenti di polizia hanno contestato 300mila reati minori a bambini dai sei anni in su. Nello Stato americano sin dall’età di 10 anni si è perseguibili penalmente: nel 2011 si è deciso di non incriminare i ragazzini fino agli 11 anni per il cattivo comportamento in classe, ma è stata respinta la richiesta di abolire la legge sulla prevenzione e la repressione della violenza minorile. In molti Stati americani i minorenni rispondono della maggior parte dei crimini come gli adulti, e può capitare che un tredicenne possa ricevere l’ergastolo per omicidio esattamente come un adulto.