home » blog » Spaghetti alla ‘Chi l’ha visto’

Spaghetti alla ‘Chi l’ha visto’

13 January 2012versione stampabile

La ricetta di oggi potrebbe portare il titolo di Spaghetti alla Chi l’Ha Visto. Si tratta di un piatto ideale per chi ha figli di cui perde le tracce per tutto il giorno, e se li vede ricomparire a tradimento, orribilmente famelici e impazienti. L’alternativa alla scenata isterica sono appunto gli Spaghetti alla Chi l’Ha Visto, che sono saporiti, rapidissimi da preparare – tempi a prova di giovane affamato – e utilizzano ingredienti che potete tenere sempre in dispensa.

 

 

Non vi do le dosi, perché si va a occhio. L’importante è che tutto tutto tutto, dalla pasta (questa volta ho usato le linguine) all’origano all’olio, sia di ottima qualità.
INGREDIENTI
Pasta lunga;
Pangrattato;
Origano (io uso quello in rametti, profumatissimo, lo compro al mercato);
Acciughe siciliane sott’olio;
Capperi sotto sale;
Timo in polvere;
Olio d’oliva

Mettete su l’acqua per la pasta. Nel frattempo in una padella mettete dell’olio e dell’acciuga (io calcolo un paio di acciughe a persona), e quando il tutto soffrigge rosolateci per bene del pangrattato, aggiungendo poi abbondante origano, un pizzico di timo e infine – a fuoco spento – i capperi sciacquati e strizzati. Scolate la pasta e passatela in padella, aggiungendo, se serve, dell’altro olio (a crudo). Nel caso non piacciano le acciughe, si possono sostituire con un po’ di aglio.

4 Responses to Spaghetti alla ‘Chi l’ha visto’

  1. antonella

    13 January 2012 at 14:59

    … altro aglio al posto delle acciughe?!…
    Io non sono tanto brava col pesce, ma mo’ ci voglio provare: vanno bene le acciughe sott’olio o devo andare al banco pesce dell’esselunga a farmi dare quelle fresche già pulite?

    Per il risultato… chiedi a flicker di fuorivia… sono la sua morosa!!! :-)))

    Ciaoissimo, buon lavoro! Antonella

  2. Sara Malchiodi

    16 January 2012 at 22:50

    Buonasera, sono una studentessa capitata per caso in questo sito (stavo leggendo alcuni articoli riguardanti radio popolare e, per affinità, ho clikkato sul sito di peace reporter). Vorrei, davvero, che le mie considerazioni non venissero prese negativamente, non voglio creare polemiche. Sono una persona molto idealista, studiosa, appassionata di viaggi, di fotografia e di letteratura, molto aperta, dunque. Ultimamente (beh oddio, da un anno e mezzo a questa parte) ho cambiato radicalmente le mie abitudini alimentari (sono diventata vegana) dopo aver letto alcuni libri sul problema degli allevamenti intensivi. Io vi chiedo, con tutto il mio cuore, e lo chiedo a voi perchè siete animati da alti e nobili ideali, se non di passare voi, direttamente, ad una dieta vegetariana, di non pubblicare ricette che contengano carne o pesce. Non si tratta di animalismo esasperato, credetemi, un mondo senza allevamenti e con un maggior rispetto verso animali e natura, può incidere davvero profondamente sulle sorti dell’umanità. Leggete Vandana Shiva, attivista indiana per i diritti umani, vegetariana ed ecologista. La mia è una preghiera che viene dal cuore, e che spero potrete esaudire. Mille volte grazie!
    Sara

  3. marina morpurgo

    19 January 2012 at 19:38

    Antonella le acciughe fresche no! Usa quelle sott’olio oppure quelle sotto sale. L’aglio ci può stare, io non ce lo metto perché altrimenti i figli mi accusano di sabotare la loro vita sentimentale (poi chiederò a Flicker come sono i risultati) :-)

    Cara Sara, quello che cercherò di fare sarà mettere il più possibile ricette a base di verdure.

  4. massimo

    19 January 2012 at 20:03

    Marina, sei mitica.
    “per chi ha figli di cui perde le tracce per tutto il giorno, e se li vede ricomparire a tradimento, orribilmente famelici e impazienti” ….