home » blog » americana » Newt conquista la S.C.

Newt conquista la S.C.

23 January 2012versione stampabile

Emanuele Bompan

Certo l’allarme tornado risuonato sabato nei pressi di Columbia, South Carolina, per gli aruspici dei segni cosmici significava una sola cosa: guai in vista.
Per il candidato repubblicano Mitt Romney, sopratutto, che sabato notte è stato clamorosamente sconfitto dal cavallo del Washington establishment di destra, l’ex speaker of the house, Newt Gingrich.
Ben 12 punti di vantaggio (40 a 28), un calcio nel sedere a Romney e ai polls che attendevano la conferma di Romney.
Sicuramente a danneggiare l’ex frontrunner brizzolato la sua incertezza rivelare la sua dichiarazione dei redditi e la rivelazione di possedere un conto offshore nelle incantevoli Cayman Island, uno dei peggiori paradisi fiscali degli interi Caraibi.
«Prenderemo la Florida» promette Newt agli elettori durante una serata concitata (guardate le belle foto di Andrea Bonisoli Alquati), inclusa miss South Carolina «ma avremo bisogno di tutto il vostro aiuto (economico) per sconfiggere Romney. E poi attacca Obama, «più debole anche di Carter».
«Lo sfiderò sulle posizioni antireligiose di Washington , lo sfiderò sull’economia», rilancia evitando accuratamente la politica estera (dove Obama tiene nei sondaggi) a parte ad un accenno sulla Cina.

Si complica la corsa. La vittoria di Gingrich mostra come nel Sud evangelista e conservatore Mitt “wallstreet” Romeny risulti indigesto alla base dei Tea Party,

I bigotti però castigano però anche Rick Sanctorum, che nonostante avesse ricevuto l’appoggio di una larga maggioranza alla convention dei leader della Destra cristiana, arriva terzo con un misero 17 per cento fatica a catturare il voto religioso in uno stato di frontiera della Bible Belt.

Il Palmetto State (una piccola palma è infatti raffigurata nella bandiera della S.C.) negli ultimi 30 anni ha azzeccato tutti i candidati repubblicani, con una precisione statistica da mostrare una deviazione standard molto vicino ad ….beh, diciamo precisione quasi esatta.

Una corsa che fino a qualche giorno fa sembrava ossificarsi su Mitt torna ad essere aperta. Segno che la base repubblicana non ha ancora realmente deciso.

Cosa succederà in Florida? Commenti e scommesse nei commenti
E non dite che vorreste che perdessero tutti (per quanto impresentabili).

follow on twitter: http://twitter.com/#!/emanuelebompan