home » blog » Pace (in) marcia

Pace (in) marcia

23 January 2012versione stampabile

Ancora una settimana fa sentivo in giro tanta incertezza, sfiducia in Orban che li aveva trascinati, in fondo, in una crisi finanziaria perchè vuole farsi re e comandare, la gente incominciava a guardarsi dentro il portafoglio alla ricerca di quel numero di telefono scritto su un pezzo dicarta da chiamare nei tempi duri.

Ma siamo in Ungheria e una settimana dopo tutto è già risolto e cambiato per il meglio, la gente ha qualcosa in cui credere, è incazzata, ha voglia di rimboccarsi le maniche. Si. E’ questo quello che ho sentito in questo vibrante paese che mi ospita, e questa grande energia e fiducia nel futuro non gliela poteva dare altri che il primo ministro e leader carismatico Orban Viktor, toccando gli ungheresi nell’unico nervo scoperto che li fa sussultare; l’Ungheria.

Viktor qui in patria ha trasformato la crisi del debito, le remore sulla nuova costituzione, la chiusura delle radio dell’opposizione e l’indebolimento dei poteri dello stato che nn siano lui  in una sorta di volontà di asservire l’Ungheria da parte dell’UE, ormai  l’Unione Sovietica è stata sostituita dall’Unione Europea, il  patto di Varsavia dal patto di Stabilità tra le Banche centrali. l’UE vuole appropriarsi delle banche e dei soldi degli ungheresi, ha distrutto l’economia ungherese, il paese nn produce niente e deve importare tutto dalla germaniaslovcchiapoloniaaustriaitalia, pagandolo per di piu’ in euro. E l’Unione Europea vuole anche dire che leggi devono avere gli ungheresi e scrivere la loro Costituzione. l’ungherese che si sente ripetere che il suo paese è stato negli ultimi 500 anni lasciato solo nel momento del bisogno 1.quando sono arrivati i turchi, 2. quando sono stati sostituiti dagli Asburgo, 3. dopo la prima guerra mondiale sono stati il paese piu penalizzato, 4. durante la seconda guerra le sofferenze di Budapest sono state seconde solo a Varsavia (anche qui lo sfigato arriva secondo), 5. poi nel 56 le potenze occidentali si disinteressarono, meglio occuparsi di Suez.., bene, l’ungherese fa due piu due e dice che la storia si ripete..

Bene, ora è il turno dell’UE e ora “la guerra è incominciata” mi diceva cosi una collega citando Viktor. Al che io un po’ strabuzzavo gli occhi perchè oggi c’era invece la marcia della pace organizzata dai sostenitori al governo.. nome un po’ infelice forse, ma sicuramente ambizioso, una manifestazione da piazza degli Eroi al Parlamento,lungo tutta l’Andràssy (mi sa che sono 4 Km) e poi un altro Km e mezzo fino al Parlamento, roba che neanche il turista tedesco coi calzini bianchi e gli shorts progetta con facilità..

Invece oggi ho scoperto cos vuol dire, marcia della pace a Budapest (si, nn ripetevano la Perugia Assisi, tutta colorata, ed è un peccato, io ci speravo). ecco qua:

arrivo vicino a Hosok tere (piazza degli eroi) facendo a ritroso l’Andrassy, c’è gente, tanta gente e tante bandiere come da noi quando gioca l’Italia. Marcia della pace vuol dire essenzialmente che nn si grida, nn si fischia, non si fa baccano. Ammessi solo l’inno nazionale, un altro paio di canzoni tristi e patriottiche (tipo il szozat), canti di chiesa, inno szekely. Avrò sentito giusto un coro Viktor Viktor e un vecchietto che ha inveito contro gli sporchi liberali subito zittito in malo modo dalla gente.

Quando è caduto (o almeno si è seduto a rifiatare) Berlusconi mi colpì molto la claque che si era portato dietro il giorno dell’incarico a Monti e dell’ultimo discorso a reti unificate una claque degna di quelli che Gheddafi buonanima si portava dietro nelle piazze verdi di Libia. Una manifestazione a favore del governo, nn si fa in nessun paese democratico, vediamo allora che paese è quello che mi ospita.. anche qui Viktor è stato bravo, nessun eccesso anzi, anche qui una bella manifestazione contro, per dire all’Europa che paese è l’Ungheria, all’ungherese.

Un po’ di cartelli: “saremo schiavi o liberi?”  “EU, USA, noi stiamo bene fatevi gli affari vostri” “il magiaro sarà nuovamente bello” “nn saremo una colonia” “Orban il nostro uomo” ‘ il mondo ha bisogno di Cristo’ ‘ i nostri valori (con i disegni del crocefisso  della Santa Corona’ ‘ Brussel, IMF basta col saccheggio. l’Ungheria vuole vivere’ ‘basta bugie e diffamazioni, orban victor e gli ungheresi sono democratici’ ‘ giustizia per l’Ungheria’ (disegno della grande Ungheria) ‘ il mondo è in debito con l’Ungheria’ (disegno della grande Ungheria) ‘Crediamo nell’Ungheria’ ‘Rispetta la nostra democrzia’ “Colonizzati 1956 URSS 2012 Occidente’ ‘EU nn applicare un doppio standard’ ‘ Ungheresi di Vancouver’, il piu divertente: -1956 Tanks 2012 Banks-

potrei continuare, qualcuno divertente, qualcuo burocratico questa forse è la pace (‘EU nn applicare un doppio standard’?? chi andrebbe mai in giro con un cartello del genere???)

insomma il corteo parte puntuale come un corteo ungherese alle 16 e io me ne sto ad aspettate all’inizio dell’andrassy che sfili tutto il corteo e il tempo invece nn passa mai. meno male che nn fa freddo, ( è un inverno insolitamente mitea Budapest, l’albero davanti alla mia finestra è pieno di foglie in estate e ha 3 rami scarni in Inverno, ma quest’anno ha incredibilemente una specie di edera rampicante con ancore 3 foglie verdi che resistono……)

Insomma alle 16.45 decido di andare a vedere che succede e mi accorgo che ci vuole ancora un po’,  saranno stati qualche centinaia di migliaia, ma non li ho contati tutti, insomma tanti

poi risalgo il corteo, per vederli tutti in faccia, l’ncredibile eterogenietà di gente che si incontra in queste occasioni, da quello in mimetica e bandiera a strisce di Arpad (simbolo di estrema destra) alla vecchina col bastone portata a braccio,

Mi colpisce un gruppo di ragazzi, tipo una classe scolastica avranno 14-15anni, nn ce l’ho fatta  a dire “ma tu che ci fai qui??” e poi a un certo punto vedo una bandiera strana e familiare, una ruola rossa su sfondo verde e blu, faccio mente locale.. curdi? tibetani? no, ci sono, la bandiera dei Rom. Bambini e Rom, gli ultimi che mi aspettavo di trovare, ma sappiamo come vanno queste cose e come ci si deve da fare.

Comunque è una sensazione strana, angosciante, quando viene il buio si accendono candele fiaccole e lumini,  si attraversa la città chiacchierando, ma senza cori o …

alla fine taglio un po’ per le strade scure di Pest e arrivo a Kossuth tèr, la piazza del parlamento, punto di arrivo. se alle altre manifestazioni dlel’opposizione c’erano transenne in tutti i giardini del parlamento qui invece la folla progovernativa si può accalcare anche lì, calpesta i fiori, si arrampica sul piedistallo in granito rosso di Kossuth. Si aspetta qualcosa che nn succede, (per fortuna), un palco superimprovvisato, pare abbia parlato quel bravuomo di Bayer Zsolt (uno degli organizzatori, diciamo che gli ebrei non gli stanno simpatici) poi mentre ancora tanta gente deve arrivare,arriva il segnale “Disperdetevi”. Bene.

Mentre vo via vedo una bandiera gialla e azzurra con una stella e una mezza luna. Vuoi vedere che ci son davvero i musulmani e sostengono Orban perchè ce l’hanno con l’UE? invece no, è la bandiera dei Szekelyi (di nazionalità ungherese che vivono in ua regione della Romania). il tipo che regge la bandiera, bassino, robusto, biondo, piu simpatico e affabile della media (come molti dei transilvani) mi spiega i simboli della terra dei Szekely, il sole e la luna, i Szekely mantengono ancora il culto degli astri. quando sa che sono italiano, mi dice che ama l’italia e che l’anno scorso è stato con la moglie che gli è al fianco e la figlia che è avvinghiata alla gamba della mamma, in toscana, pisa, lucca e tutta la val di chiana. Vorrei chiedergli perchè è qui, ma desisto. E in cuor mio spero che la figlia nn avrà bisogno del passaporto per andare a Firenze quando sarà grande..

One Response to Pace (in) marcia

  1. giuliano

    15 February 2012 at 11:48

    Preghiera per un bambino.