home » e il mensile » Il portfolio/ Le mie prigioni

Il portfolio/ Le mie prigioni

25 January 2012versione stampabile

Ho iniziato a interessarmi di prigioni quasi per caso: occupandomi di crimine organizzato. Ogni volta ho cercato di capire – riuscendoci di rado – le dinamiche complesse di un mondo a parte. Per anni mi ha accompagnato un quesito che la memoria attribuisce a un vecchio libro di Tiziano Terzani. Quel punto interrogativo è sedimentato cella dopo cella in una forma precisa: perché ogni volta che entro in un carcere sono preda di stereotipi? Perché, di fronte alla privazione della libertà, non si può fare a meno di essere dalla parte del recluso e considerare le guardie degli aguzzini?
Forse qualcun altro avrebbe potuto trarne conclusioni più chiare, dato che dopo ogni missione torno a casa con un’idea della realtà più complessa di quella che avevo prima di cominciare.

Foto e testo di Alessandro Scotti

Dal Portfolio di E il mensile, in edicola dal 25 gennaio