home » diritti » Protesta Servirail, anche Carmine Rotatore giù dalla torre

Protesta Servirail, anche Carmine Rotatore giù dalla torre

25 January 2012versione stampabile

Carmine Rotatore è il secondo lavoratore di Servirail a scendere dalla torre faro del binario 21. A due giorni dalla discesa di Giuseppe Gison, e dopo quarantasei di permanenza all’addiaccio, anche Rotatore ha dovuto arrendersi alle precarie condizioni di vivibilità sul traliccio della stazione centrale di Milano, dove i tre erano saliti per opporsi alla decisione di Trenitalia di abolire le corse dei treni notte e, quindi, avviare 800 licenziamenti in tutto il paese.

Ai piedi della torre Rotatore, 45 anni e tre figli, ha avuto un leggero malore ed è stato caricato su una barella e accompagnato dal personale medico all’ospedale, mentre i colleghi al presidio permanente lo salutavano intonando “Bella Ciao”. Secondo le prime indiscrezioni le condizioni di salute dell’uomo non sono preoccupanti.

Sulla torre rimane Oliviero Cassini, l’ultimo dei tre lavoratori Ex Wagon Lits.