home » cultura » Milano: nascerà l’immigration center

Milano: nascerà l’immigration center

3 February 2012versione stampabile

Il vento progressista che dal 30 maggio 2011 sferza la città di Milano continua a portare novità positive.
L’ultima, in ordine di tempo, riguarda un progetto molto caro dell’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino, che intende far nascere un immigration center in grado di aiutare concretamente il cittadino straniero che si trova in città.

L’immigration center che ha in mente Majorino deve essere in grado di accompagnare in tutto e per tutto gli stranieri nel percorso burocratico previsto dalle leggi del nostro Paese. Tutti i documenti previsti dalla legge potranno passare dunque, da questo ufficio. Anche i permessi di soggiorno, quando la competenza per la loro assegnazione passerà dalle questure alle amministrazioni locali.

Il progetto c’è e nascerà a breve, e non avrà nulla a che vedere con progetti già esistenti. Il nuovo immigration center, in Comune stanno cercando una sede adatta, dovrà diventare uno dei punti di riferimento delle comunità straniere presenti a Milano e secondo quanto dichiarato da Majorino gli stessi stranieri verranno ascoltati per capire quali siano le loro principali necessità. Al suo interno potranno nascere collaborazioni con reti di medici e avvocati, sindacati e associazioni. Un luogo che possibilmente potrebbe alimentare il panorama culturale sotto la Madonnina.

Di sicuro, per la piena realizzazione del progetto, l’assessore Majorino sta pensando a personale altamente qualificato, in grado di sapersi esprimere in più lingue straniere. “Il cittadino straniero che viene a vivere a Milano deve riuscire a ottenere tutte le informazioni necessarie per non temere di correre dei rischi” dice Majorino.

Un altro esempio della trasparenza dell’amministrazione del capoluogo lombardo che con le sue battaglie di civiltà a favore del rispetto dei diritti sta contribuendo in modo determinante a rilanciare a livello nazionale, ma soprattutto europeo, la sua immagine di città aperta al prossimo. E questo è un aspetto molto importante anche in vista di Expo 20125.