home » diritti » Test Invalsi, brillano le ‘classi arcobaleno’

Test Invalsi, brillano le ‘classi arcobaleno’

6 February 2012versione stampabile

Gli studenti stranieri? Nelle prove di italiano vanno meglio dei loro colleghi madrelingua. Così come in quelle di matematica. Questi i sorprendenti risultati usciti fuori dai test Invalsi. I ragazzi della ‘classe arcobaleno’ della scuola primaria Garzoni (10 stranieri su 22 alunni totali) di Udine hanno sbriciolato la media nazionale, surclassato quella regionale e battuto persino quella del circolo didattico per quanto riguarda le prove in lingua italiana.

Risultato analogo per la seconda della scuola Dante, sempre di Udine, con la percentuale di stranieri che pure è molto alta: la prova di italiano è risultata sorprendente, così come quella di matematica effettuata dalla quinta dello stesso istituto.

“Per noi è un orgoglio divulgare risultati che evidenziano come il livello di alcune scuole avvolte da pregiudizi per la notevole presenza di alunni stranieri sia alto e non abbia nulla da invidiare a qualsiasi altra scuola”, commenta la dirigente del Primo Cicolo didattico, Vilma Candolini.

La Garzoni e la Dante, a Udine, sono le scuole in cui vanno i figli di immigrati, con un melting pot che vede bambini provenienti dalle regioni più disparate del globo: angladesh, Tunisia, Algeria, Ghana, Camerun, Perù, Albania, Romania, Cina, India, Pakistan, Ucraina, Mauritius e così via.

I numeri. La media del test Invalsi di italiano, quest’anno, era di 73 per le classi quinte, con il nord-est a quota 73.2 e il Friuli a 74. Bene, la Garzoni ha fatto 77, superando di slancio pregiudizi e aspettative. Ancora più clamoroso, però, è il test d’italiano delle seconde classi: media nazionale a 69.1 e regionale a 69.7. La Dante si è assestata a quota 81.3, lasciando tutti con la bocca aperta. Infine, per quello che riguarda la matematica, la Dante ha primeggiato con una media di 75.1, contro 68.4 nazionale e il 71.3 del Primo Circolo didattico di Udine.

“Abbiamo utilizzato la prova Invalsi non come una vetrina per metterci in mostra – conclude la Candolini -, ma come un’opportunità di verifica del programma didattico svolto, effettuando i test con severità e rigore, non possiamo che dirci fieri del percorso compiuto in tutte le scuole del Circolo, specie la Dante e la Garzoni, malgrado detrattori e malelingue”.