home » Senza categoria » Binario 21: Fiorella Mannoia

Binario 21: Fiorella Mannoia

10 February 2012versione stampabile

Interviste di Antonio Marafioti

E il mensile ha voluto ascoltare le voci e le opinioni di intellettuali e artisti sulla battaglia dei lavoratori dell’ex Wagon Lits, licenziati lo scorso dicembre dopo i tagli di Trenitalia sui treni notturni.

«Esprimo tutta la mia solidarietà. Quello che sta succedendo è incredibile, quando i lavoratori protestano così, vuol dire che la politica ha fallito. Quella di destra, quella di sinistra, hanno fallito tutti. Ogni parola è superflua: ci sono dei lavoratori che difendono il loro posto di lavoro e stanno su un traliccio da un sacco di tempo. Tu capisci che tutte le risorse sono puntate sul Freccia Rossa e tutti gli altri treni sembrano dei carri bestiame. Oltre l’Alta Velocità non rimane nulla, le vetture sono carri bestiame, nel vero senso della parola. Ci mancano i topi, visto che le zecche già ci sono. Poi si sente di gente che si accalca in massa nei vagoni, pendolari che per arrivare in città ci mettono ore. È lo specchio di un Paese che ormai è marcio, è morto».