home » blog » Berlino. The Summit, Franco Fracassi racconta in anteprima il film

Berlino. The Summit, Franco Fracassi racconta in anteprima il film

11 February 2012versione stampabile

di Barbara Sorrentini

The Summit alla Berlinale, Franco Fracassi racconta in anteprima alcuni contenuti del film, girato insieme a Massimo Lauria.

* QUI i trailer del film

A dieci anni dal G8 di Genova avete rimesso mano sui documenti legati alla repressione di piazza di quei giorni, che hanno visto morire Carlo Giuliani e picchiare a sangue centinaia di manifestanti. Che taglio avete dato a TheSummit?

Il film parte dal vertice che si è tenuto nel 2001 a Genova per raccontare, non tanto l’accaduto, ma perché sono avvenute certe cose. In questi undici anni sono stati scritti un mucchio di libri e montati tantissimi film ma la maggior parte di questi si è limitata a riportare la cronaca e a raccontare quei fatti come una questione solo italiana.
Voi invece?

Noi abbiamo tentato di lavorare su due piani. Da una parte quello dell’inchiesta, per capire perché la polizia si è comportata in questa maniera, perché una parte dei manifestanti ha devastato la città e chi gli ha permesso di farlo, chi erano davvero i black block e che legami avessero con le forze dell’ordine e perché proprio a Genova fossero successe queste cose. Dall’altra parte, abbiamo cercato di contestualizzare l’accaduto, spiegando che quello non era il primo vertice in cui accadevano gli scontri, era dal ’99 a Seattle che ad ogni vertice internazionale c’erano pestaggi. Spesso ci si dimentica che a Genova si dovessero incontrare gli otto capi di Stato più importanti del mondo, per decidere questioni fondamentali per il pianeta. Noi ci siamo interrogati su questo.

In agenda c’era la discussione sull’annullamento del debito per i paesi del terzo mondo, il trattato di Kyoto, la globalizzazione.

Sono stati questi temi, importanti e delicati, a trasformare Genova in un campo di battaglia. Gli scontri non sono stati tra manifestanti italiani e polizia italiana, ma tra chi voleva un modello di pianeta e chi ne voleva un altro. E lì a Genova si è svolta la battaglia finale.

Chi sono gli altri responsabili, oltre al Governo Berlusconi, della messa in atto di quel sistema di sicurezza basato sulla repressione?

Su trentacinquemila poliziotti, almeno cinquemila erano agenti stranieri. Solo settecento appartenevano all’FBI ed erano lì per proteggere Bush. Quando si parlava dei black block infiltrati, si sono sempre prese in considerazione solo le forze dell’ordine italiane. Invece, dalle testimonianze che abbiamo raccolto tra gli infiltrati, parlavano tutti tedesco, francese, olandese, inglese ma non italiano.

E i pestaggi, l’irruzione alla Diaz, l’uccisione di Giuliani?

Quello è un altro capitolo ed è tutto italiano.

La vostra documentazione e le vostre testimonianze da dove provengono?

Abbiamo ascoltato molti manifestanti e tanti poliziotti che hanno accettato di parlare con noi, anche in maniera critica dell’operato delle forze dell’ordine, compreso il responsabile dell’ordine pubblico a Genova Ansoino Andreassi, vice capo della Polizia. Abbiamo parlato con agenti dei Servizi Segreti internazionali e della CIA, con i parlamentari del COPACO che avevano in mano documenti segreti sull’organizzazione della sicurezza a Genova. Siamo entrati in possesso dei documenti della Questura, della Prefettura e dei Servizi Segreti italiani, che descrivevano nel dettaglio quello che sarebbe successo, ed erano tutti precedenti al G8. Molti di questi riportavano già la cronaca dei giorni a venire. Fa pensare.

Le prove su cui avete lavorato sono state utili nei processi?

Noi sui processi non abbiamo lavorato, ma la maggior parte di questi filmati sono stati nascosti e difficilmente mostrati in tribunale. Tra gli altri, abbiamo visionato trentun filmati differenti sull’assalto alla Diaz e in uno di questi si vedono dei poliziotti che portano una busta all’interno della scuola: era la busta che conteneva le molotov.

2 Responses to Berlino. The Summit, Franco Fracassi racconta in anteprima il film

  1. giuliano

    14 February 2012 at 10:27

    Auguri per il vs mensile.

  2. giuliano

    15 February 2012 at 11:47

    Preghiera per un bambino.