home » esteri » Russia, lo zar non deve vincere

Russia, lo zar non deve vincere

19 February 2012versione stampabile

Luca Galassi

Denis Bilunov, ingegnere informatico, ha preso parte alle manifestazioni di piazza contro Putin del 4 febbraio. E’ membro di Solidarnost, movimento di opposizione fondato da Nemtsov, Ryzhkov, e Kasparov (tra gli altri), che vede in Alexei Navalny il più tenace – e arrestato – oppositore del Cremlino

Come si prepara il movimento Solidarnost alle presidenziali del 4 marzo?

L’esperienza delle elezioni parlamentari di dicembre ci ha convinto che l’apparato di potere sta pianificando la vittoria di Putin al primo turno. Ma questo progetto può essere messo in discussione. Io sono convinto che non vi sia un sostegno sicuro, che non sia del tutto certo che Putin possa raggiungere il 50 percento dei voti. Il problema è che l’opposizione non ha alternative di lista. I cinque candidati sono tutti uomini del Cremlino. L’unica alternativa per gli insoddisfatti è disertare le elezioni. Il nostro compito, su questo punto, è cercare di convincere gli elettori a partecipare, perché il voto per gli altri candidati è un voto tolto a Putin. A noi non interessa quanti voti prendano Zhirinovsky o Mironov. A noi interessa quanti voti non prende Putin.

Solidarnost fa paradossalmente il tifo per gli altri.

L’importante è che Putin non vinca al primo turno. E’ l’obiettivo più immediato. Se ciò accadesse, la popolazione si renderebbe conto che il potere non è assoluto, che è possibile cambiare. Se al secondo turno passasse Zyuganov, dei Comunisti, a quel punto ci troveremmo a dover trattare con loro, e non sarà comunque un compito facile. Zyuganov è un leader famoso per il suo concordato eterno con il Cremlino, ma quando si profila un orizzonte nuovo possono aprirsi spazi di trattativa anche con lui. Se Putin vince al secondo turno, sarà un altro Putin, più debole, più dipendente dall’opinione pubblica.

L’avvocato-blogger Navalny, che ha subito ripetuti arresti dopo le grandi manifestazioni di dicembre e febbraio, ha detto che anche se vince Putin, il sistema-Putin non durerà più di 18 mesi, perché le proteste di piazza potrebbero continuare anche dopo le elezioni.

Questo è parzialmente vero. E’ tuttavia un wishful thinking ritenere che le cose possano andare così. Non sono così sicuro che 18 mesi possano bastare. Potrebbero essere 24 o 30 mesi. Se dobbiamo fare previsioni, io penserei alle Olimpiadi di Sochi, nel 2016. Quell’appuntamento sarà fondamentale, perché c’è il rischio che non riescano a organizzare in tempo i giochi olimpici. Questo sarebbe un fiasco, una pesante sconfitta agli occhi del mondo. La crisi economica si farà sentire, le infrastrutture dello Stato burocratico russo sono molto pesanti e macchinose, e i processi amministrativi sono lenti e inefficaci.

Che previsioni fa per Zyuganov, l’unico in grado di concorrere con percentuali non del tutto irrisorie?

Direi il 12, il 15 percento. Ma nonè questa la cosa importante. Importante è che Putin prende meno del 50 percento. Anche un’altro candidato potrebbe andare, Prokhorov, per esempio. Anche lui un candidato del Cremlino, nato per attirare l’attenzione dei liberali, del mondo imprenditoriale. Ha parecchi soldi da spendere per ottenere voti per il secondo turno. Forse, come dialogo, l’unico con cui potremmo idealmente trattare è Mironov. Ma non ha molte possibilità di farcela.

Come potete assicurare elezioni giuste, secondo l’esortazione dei vostri leader?

Assicurare elezioni giuste in questo caso vuol dire fornire tutti i seggi di osservatori indipendenti, organizzare un flusso di informazioni rapido ed efficace su internet, e accessibile a tutti. Ricordiamo il voto di dicembre: è importante far capire alla gente la differenza tra i risultati ufficiali e la realtà. A Mosca, in alcuni seggi, il risultato di Russia Unita era spesso il triplo di quello che avevano davvero ottenuto. La ragione di questo sono i brogli, diffusi e sistematici. Ma se si possono vedere i risultati pubblicati rapidamente su internet, su un sito ben disegnato e strutturato, la gente è anche più invogliata a scendere in piazza. Questo è l’obiettivo.

Sarà più difficile per Solidarnost, se Putin vince, continuare la sua campagna di opposizione nelle piazze? Potrebbe verificarsi un ulteriore giro di vite da parte del potere?

Così dicono. Ma vediamo. Dobbiamo essere preparati anche per un Putin in versione più dura, più repressiva. La differenza di base tra Putin e Stalin, è che Putin e i suoi amici hanno troppi soldi all’estero, sono troppo dipendenti dall’opinione dei governi occidentali, e non possono esercitare violenze e comportamenti autoritari senza tener conto delle critiche della comunità internazionale. Anche se pensano che sia irrilevante, il sistema di valori rispettato in tutto il mondo, ha invece un peso importante. Queste circostanze renderanno sempre possibile lo sviluppo delle nostre attività.

One Response to Russia, lo zar non deve vincere

  1. mauro rodi

    20 February 2012 at 02:36

    Spero invece che vinca nettamente Putin e che ristabilisca un filtro su internet ed i mezzi di comunicazione in modo da impedire ai viscidi servi degli americani come Kasparov di danneggiare la Russia. La pletora di traditori vorrebbe ritornare ai tempi di Eltsin quando furono svendute le ricchezze del paese per un tozzo di pane. Confido che si riesca a dimostrare l’asservimento di molte ONG agli USA, ordinarne la chiusura e processare i responsabili per attività antinazionali. Gli epigoni di Khodorkovsky devono finire in galera. La Cina, Putin e Zyuganov sono la speranza del mondo per arrestare l’egemonia globale criminale statunitense.