home » cultura » AMA – Le donne del mare di Nina Poppe

AMA – Le donne del mare di Nina Poppe

29 February 2012versione stampabile

di Flavio Franzoni
foto di Nina Poppe

MiCamera

Un paese che sta attraversando un momento di profondi cambiamenti culturali e sociali, e un libro di fotografia che riesce ancora a raccontare in maniera straordinaria una realtà per certi versi incomprensibile e certo destinata a scomparire nel tempo o a tramutarsi in attrazione turistica.
Le “donne del mare” giapponesi incontrate dalla fotografa tedesca Nina Poppe nella penisola di Ise-Shima, a 400 km da Tokyo e oggi parco nazionale, perseverano nella tradizione della pesca a corpo libero che viene fatta risalire a oltre 2000 anni or sono.
Oggi specializzate nella più redditizia ricerca di perle, piuttosto che nella cattura di crostacei, molluschi e persino alghe, le “Ama” affrontano ancora il fondo marino senza l’ausilio di attrezzature tecnologiche quali bombole d’ossigeno, rilevatori di profondità o quant’altro. Solo una semplice muta, talvolta improvvisata, e l’esperienza tramandata dal tempo.
Per questa ragione il ricambio con le nuove generazioni in grado di continuare questa difficile attività è discontinuo e le protagoniste di questo reportage sono in maggioranza donne di mezza età.Nel libro, realizzato con un intrigante e moderno design, non appaiono uomini, a sottolineare l’esclusiva identità femminile di questa cultura, e non compaiono nemmeno immagini subacquee; la Poppe si concentra infatti sui ritratti, sulle variazioni di colore del mare e del cielo e nella ripresa di piccoli frammenti di quotidianità.
Nina Poppe non è la prima ad aver subito il fascito delle Ama; da Georges Bizet che compose l’opera lirica “I pescatori di Perle” nel 1863 arriviamo fino al cinema hollywoodiano – che nel 1967 lanciò il film “James Bond: Agente 007 – Si vive solo due volte”, dove la protagonista è proprio un agente segreto sotto le spoglie di una donna pescatrice…

Nina Poppe é nata a Munster, Germania, nel 1979. Dal 1999 al 2003 ha studiato fotografia presso la Utrecht School of Arts e dal 2005 si stà specializzando nella realizzazione di film documentari presso la Academy of Media Art di Colonia. Attualmente lavora come fotoreporter freelance e “Ama” è il suo primo libro.

 

Nina Poppe, Ama
ed Kehrer, 2011
Copertina rigida, 88 pagine, fotografie a colori, lingua inglese

 

Il primo marzo inaugura da MiCamera un allestimento speciale dedicato alle pubblicazioni dell’editore Kehrer Verlag, tra cui anche il bellissimo libro di Nina Poppe.