home » blog » Avanti popolo

Avanti popolo

5 March 2012versione stampabile

Cosa si intende per “musica popolare”? La risposta è complessa, perché l’aggettivo popolare, accostato alla musica, risulta appropriato sui fronti più diversi. Negli anni ’60 del secolo scorso, sulle nobili ceneri del Cantacronache, nacque a Milano l’etichetta discografica I dischi del Sole. La musica del popolo era quella della Resistenza, delle lotte operaie, del ’68, del lavoro nei campi, delle donne che rivendicavano i loro diritti… La cantarono, la scrissero, la riscopersero, artisti come Ivan Della Mea, Paolo Pietrangeli, Fausto Amodei, Dario Fo, Gualtiero Bertelli, Matteo Salvatore, Giovanna Marini, Caterina Bueno. La lingua italiana e i dialetti camminavano sui solchi l’una accanto agli altri. I dischi del Sole esaurirono la loro esperienza alla fine degli anni ’70, e da quella stagione straordinaria nacque, per esempio, a Roma, la Scuola di Musica Popolare di Testaccio, grazie a Giovanna Marini. Nei due decenni a seguire, si avviò un lavoro di ricerca e di scoperta sempre più vasto delle culture musicali “altre” sparse e nascoste lungo tutta la nostra penisola; venne assorbito, elaborato, metabolizzato, il patrimonio di Paesi confinanti; si concretizzò sugli spartiti di tanti artisti quella contaminazione (termine oggi abusato e usato sovente a sproposito) che miscelava le specificità, tra differenze e analogie.

Prendete Mariano Deidda, radici sarde a Iglesias. Questo raffinato compositore e interprete ha dedicato lunghi anni di lavoro a trasporre in musica i testi dello scrittore e poeta portoghese Fernando Pessoa, per arrivare con la sua ultima produzione a Cesare Pavese. Deidda canta Pavese, Un paese ci vuole è il titolo dell’album, citazione tratta dal romanzo La luna e i falò. Succede non di rado che i versi della poesia, o le righe della prosa, costringano la musica in posizione di subordine, quasi le impediscano di esaltare le parole, di conferire loro significati ulteriori. Deidda, al contrario, ci consegna 13 brani che sembra aver creato con Pavese a fianco. La sua timbrica, delicata e venata di una piacevole sfumatura rauca, si arrampica sulle colline delle Langhe, passeggia lungo le strade piane, si confonde con il paesaggio. Cesare e Mariano divengono una cosa sola, in Nata a Premilcuore, Anche tu sei l’amore, Sangue sulle colline, e nella traccia di apertura che dà il titolo al disco.

Agita e unisce, con esiti assai piacevoli, ritmi popolari, suoni acustici, jazz e solarità mediterranee, l’album Dal mondo che vi lascio, recentissima opera del gruppo modenese La metralli. A comporre un ensemble di forte espressività sono la voce magnetica di Meike Clarelli, le chitarre di Matteo Colombini e Marcella Menozzi, il contrabbasso (e basso) di Serena Fasulo, cui si aggiungono le collaborazioni del batterista Johnathan LaTangue e del fisarmonicista e compositore Davide Fasulo. La metralli impugna, a seconda dei brani, l’arma dell’ironia, del gusto per il surreale, dei toni languidi, dell’evocazione a tinte nette, catturando subito l’attenzione, coinvolgendo, porgendo l’invito a unirsi e a estraniarsi nei minuti dell’ascolto. La definizione migliore per La metrallli è “Convincente”.

Si accennava poco più su a Caterina Bueno, splendida interprete toscana della musica popolare. Francesco De Gregori le dedicò qualche anno fa una canzone, Caterina, in cui citava il titolo di uno dei brani più toccanti della Bueno, Cinquecento catenelle d’oro. È la voce di Nada a riproporlo nel doppio cd Sopra i tetti di Firenze (altro verso della stessa canzone di De Gregori), uscito qualche tempo fa per Materiali Sonori in omaggio all’artista scomparsa nel 2007. Un lavoro egregio, quello di Maurizio Geri e Riccardo Tesi, che hanno chiamato a raccolta firme importanti della musica Indie per abbracciare in note Caterina. Diciannove belle tracce in cui fanno sentire la loro voce, tra i tanti, il napoletano Daniele Sepe, la romana Lucilla Galeazzi, il fiorentino Piero Pelù.

 

Info

– Mariano Deidda, Deidda Canta Pavese, Un paese ci vuole (Electromantica/Venus-Egea Distribution)

Egea Distribution (ascolto e acquisto). Video musicali del cd su You Tube

 

– La metralli, Del mondo che vi lascio (Amigdala/Abuzz Supreme)

abuzzsupreme.it (acquisto)

lametralli.com (ascolto)

 

– AA.VV. Sopra i tetti di Firenze (Materiali sonori)

materialisonori.com (acquisto), video musicali del cd su You Tube

One Response to Avanti popolo

  1. Alessandro

    1 April 2012 at 14:10

    grandi la metralli!
    ho comprato il disco e lo sto consumando alla grande!
    grazie per la segnalazione ottima come al solito