home » italia » Torino, Napolitano si rifiuta di incontrare i No Tav

Torino, Napolitano si rifiuta di incontrare i No Tav

6 March 2012versione stampabile

Il presidente della Repubblica ha partecipato stamane a Torino a un convegno organizzato dal Csm sulla magistratura subalpina dall’Unità di’Italia a oggi. L’incontro si è svolto a Palazzo Madama, nel cuore di una città blindata per l’occasione.  I vertici delle forze dell’ordine temevano le proteste dei No Tav dopo la decisione del capo dello Stato di non incontrare i sindaci valsusini vicini al movimento. motivando questo rifiuto con il fatto che “le scelte tecniche non mi competono”. Una frase a cui ha fatto seguito un nuovo appello ad abbandonare metodi di lotta inaccettabili. Giorgio Napolitano ha quindi sottolineato la necessità di creare un clima positivo per favorire lo sviluppo del paese.

Intanto il presidente del Piemonte, Roberto Cota, ha incontrato i sindaci della Valsusa e del Valsangone favorevoli o non ostili alla Tav per spiegare la disponibilità del governo a mettere in campo le compensazioni. Si tratta di primi cittadini eletti da liste civiche vicine al centrodestra.

Roberto Cota si è comunque detto pronto a incontrare tutti gli amministratori della Valsusa, anche quelli No Tav. Secondo il sindaco di Torino, Piero Fassino, il presidente Napolitano ha “interpretato il sentimento di preoccupazione che si è manifestato in molti italiani nel vedere episodi di prevaricazione, intolleranza e violenza”.

Una ventina di manifestanti No Tav si sono invece presentati in via Po chiedendo di poter arrivare in piazza Castello, ma per le rigide misure di sicurezza imposte non è stato loro permesso. La polizia ha in mattinata fermato in via Garibaldi Turi Vaccaro, il pacifista salito sul traliccio alla Maddalena di Chiomonte,e gli ha notificato il foglio di via dai comuni di Avigliana, Bussoleno, Chiomonte, Exilles, Gravere, Giaglione, Susa.