home » esteri » asia e pacifico » Cina, la carica dello yuan

Cina, la carica dello yuan

20 March 2012versione stampabile

Gabriele Battaglia

Dopo la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale. Christine Lagarde, in visita a Pechino, fa tanti complimenti alla Cina che rende la sua crescita più “equilibrata”, però…
Però c’è quel piccolo problemino dello yuan/renminbi, la valuta che i policy maker occidentali considerano sottovalutata di quel tanto che basta a rendere artificialmente competitive le esportazioni del Dragone.
A Pechino ribattono che gli ultimi dati della bilancia commerciale, con il deficit più alto mai registrato dal 1989, sanciscono già l’uscita della Cina da un’economia export oriented, in direzione di una crescita sostenuta dalla domanda interna. Lo yuan non c’entra, dunque.
Niente affatto – ribatte il Fmi – la vostra bilancia commerciale è andata giù perché l’Europa in crisi compra meno merci cinesi, ma il renminbi resta artificialmente svalutato, eccome: per la precisione, tra il 3 e il 23 per cento a seconda delle stime, in base a dati dello stesso Fondo che risalgono a luglio 2011.

Le schermaglie attorno alla valuta cinese riguardano in realtà un progetto che viene da lontano e che lontano intende arrivare. È la “lunga marcia” dello yuan per sostituire (o quanto meno affiancare) dollaro, euro e yen giapponese come valuta di riserva globale.
È stata proprio Lagarde a riconoscere che non ci sarebbero controindicazioni al nuovo status del renminbi, a patto che la Cina si avvii verso un regime di cambio più flessibile. A patto cioè che il valore della moneta sia determinato dal mercato e non politicamente.

Pochi giorni fa è stato lo stesso governatore della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, a lasciar intendere che il Dragone è intenzionato a muoversi nella direzione auspicata dall’Occidente: “Quanto più lo yuan si avvicinerà a una condizione di equilibrio, tanto più grande sarà il ruolo che le forze di mercato giocheranno nel determinare il suo tasso di cambio. Noi incoraggeremo le forze di mercato a svolgere un ruolo più grande, la partecipazione e l’intervento della banca centrale diminuiranno in modo ordinato”.
Zhou non ha parlato di lasciar fluttuare liberamente lo yuan (ora saldamente agganciato al valore del dollaro), e neppure di ampliare la sua banda di oscillazione, ma l’internazionalizzazione della valuta presuppone la sua piena convertibilità in conto capitale. Secondo i programmi di Pechino, questo dovrebbe avvenire entro il 2015.

Dove sta il problema, dunque, se tutti remano nella stessa direzione?
La Cina si trova oggi davanti a uno di quei passaggi storici da cui dipende la sua crescita futura e il suo status internazionale. Un passaggio che coincide con il cambio della sua leadership, previsto per il prossimo ottobre. La piena convertibilità dello yuan rappresenta al tempo stesso l’opportunità di emancipare intere aree del pianeta dal ruolo dominante del dollaro e il rischio di attirare speculazione – la stessa che affligge l’Euro – in casa propria.
Pechino vuole quindi gestire questa fase in proprio, senza che siano altri a dettarne modi e tempi. D’altra parte, l’Occidente – e in particolare Washington – vuole l’esatto contrario: che la moneta cinese perda le sue caratteristiche “protezioniste” ma teme che la “lunga marcia” dello yuan si concluda con lo spodestamento del dollaro.
Alcuni segnali sono indicativi: il Giappone, con l’inedito beneplacito cinese, ha appena acquistato 65 miliardi di yuan del debito di Pechino; a fine marzo, la China Development Bank avvierà un sistema di scambi reciproci con gli altri Brics (Brasile, Russia, India, Sudafrica) in renminbi e nelle altre valute nazionali. Sono movimenti che significano solo una cosa: la Cina (d’accordo con altri Paesi emergenti) intende riempire i propri e altrui forzieri di valute che non siano il dollaro.

One Response to Cina, la carica dello yuan

  1. niki

    20 March 2012 at 23:20

    Avete dimenticato un particolare: i cinesi stanno comperando oro a man bassa, le nostre banche centrali giocano al ribasso del metallo per sostenere le loro ridicole monete di aria fritta e la Cina compera. Mezzo mondo pensa che si stiano preparando ad offrire al mondo una moneta “gold backed” che vorrebbe dire la fine delle follie finanziarie che hanno portato il mondo alla crisi devastante da cui non riesce ad uscire…