home » editoriali » Afghanistan: mortai sull’avamposto italiano. Un soldato ucciso, altri cinque feriti

Afghanistan: mortai sull’avamposto italiano. Un soldato ucciso, altri cinque feriti

26 March 2012versione stampabile

Un soldato morto, altri cinque feriti. L’attacco sferrato contro un base italiana in Afghanistan (si tratta di una base operativa di avamposto) porta a 50 le vittime militari italiane. L’attacco, a colpi di mortaio, è avvenuto verso el 14.30 lcali.

La ‘Fob’ (Forward operating base) ‘Ice è una base avanzata italiana incastrata tra il deserto e le montagne del Gulistan, nella provincia di Farah, a ridosso del profondo sud ‘talebanò. Siamo nel settore sud-est dell’area occidentale del Paese, dove sono schierati i 4.200 militari italiani della missione Isaf. Nell’ultima relazione al Parlamento, i Servizi segreti avevano messo in guardia dai pericoli per i militari italiani in Afghanistan, dove «la cornice di sicurezza si è mantenuta estremamente precaria» e «resta elevato il livello della minaccia» per i nostri soldati. Secondo gli 007 dell’Aise, inoltre, «gli elementi di criticità del 2011 sembrano destinati a perdurare nel breve-medio termine» e ciò interessa il processo di transizione, che «rischia di fallire in assenza di adeguati progressi in tema di governance e sviluppo socio-economico».

Il sergente Michele Silvestri – campano di 33 anni, sposato, un bambino piccolo, in servizio presso il 21/o reggimento Genio Guastatori di Caserta – era arrivato solo da 10 giorni in Afghanistan.

L’Idv ha chiesto di “mettere fine a questo martirio, per guerra che non ci appartiene”, il Pd chiede al governo di riferire “al più presto” in Parlamento sulle circostanze di questa nuova tragedia e di “riflettere su come ricalibrare gli obiettivi della missione”.

One Response to Afghanistan: mortai sull’avamposto italiano. Un soldato ucciso, altri cinque feriti

  1. Beteljuce

    25 March 2012 at 03:32

    Un Uomo Muore in Mezzo un Deserto, senza Neppure Sapere il Perchè. Anche se dicono sia Legale Andare a Giocare ad ammazzare altri Popoli.
    A Casa c’è La Famiglia, quella Istituzione che Miete Più Vittime di tutte le Guerre messe insieme.
    Un Uomo così, un Preservativo alla famiglia e alla Guerra non glielo hanno mai consigliato. E magari aveva i debiti colle BANCHE, per pagare il Mutuo della Casa PROPRIETA’ PRIVATA, Palle, Palle. Ipocrisia.