home » esteri » asia e pacifico » Corea del Nord, in diecimila si occupano di sviluppo missilistico

Corea del Nord, in diecimila si occupano di sviluppo missilistico

4 April 2012versione stampabile

Sono circa 10mila le persone, tra ingegneri, tecnici e semplici operai, che lavorebbero allo sviluppo di missili di missili in Corea del Nord. È la stima riportata dal quotidiano Chosun Ilbo, in base a fonti militari sudcoreane secondo cui la divisione costruita appositamente da Pyongyang gode anche di “notevoli capacità di ricerca”.

I nordcoreani hanno cominciato a occuparsi di vettori balistici nella metà degli anni ’70, producendo Scud-B e Scud-C con gittata, rispettivamente di 300 e 500 chilometri, sistemati a protezione dei confini nel 1980. I militari di Seul hanno quantificato in 3,1 miliardi di dollari le risorse spese dal Nord per sviluppo e sperimentazione di missili balistici a lungo raggio. Il missile che potrebbe partire da Pyongyang e che si prevede possa esser lanciato tra il 12 e il 16 aprile, nell’ambito delle celebrazioni del 15 aprile in onore dei 100 anni della nascita di Kim Il-sung, potrebbe costare circa 850 milioni di dollari.