home » blog » americana » Bye, Santorum

Bye, Santorum

12 April 2012versione stampabile

Santorum se n’è andato. «Maledizione, così agevolano Romney», ha commentato via email un mio contatto, staffer del partito democratico a Capitol Hill. Maurizio Molinari della stampa ha brillantemente ridotto la questione su Twitter: rimangono un presidente debole e un candidato antipatico.

Ora Mitt farà l’ovvio: cercherà l’endorsement dei conservatori cristiano-evangelici del Sud sfruttando lo stesso Santorum.

E l’effetto si vede. Dopo 3 ore dall’abbandono figure chiave come il conservatore Bobby Jindal (Louisiana, noto per la pessima gestione della crisi BP) e Rick Scott (Florida) dichiaravano il supporto al belloccio del Massachusetts.

Una buona notizia sopratutto per i tesorieri di Mitt che hanno cancellato annunci pubblicitari contro Santorum per un valore di 3 milioni di $.

Ma la base rimane scettica. Sui social network molti si pongono la domanda. «Odio Obama, ma Romney mi fa schifo. Non votare?»

E poi si apre la fantastica lotteria per il posto da veepe, da vicepresidente. Per CNN Political Ticker potrebbe essere lo stesso Santorum un ottimo candidato. Per Herman Cain invece serve un black a fianco di Mitt: «credo che Allen West (repubblicano della florida ed ex colonnello dell’esercito in Iraq) sia il candidato giusto». Per gli spin doctors il frontrunner dovrebbe avere «un candidato latino, come Marco Rubio». Anche lui dalla Florida, segno che il 6 novembre il Sunshine State sarà campo di battaglia.

Si attendono vostri commenti: chi prenderà Mitt come VP?