home » cultura » Festival della Fotografia Etica

Festival della Fotografia Etica

13 April 2012versione stampabile

Si è aperto ieri a Lodi il Festival di Fotografia Etica, giunto alla sua terza edizione in un crescendo di pubblico e ospiti internazionali.

Oggi, venerdì 13 aprile alle 21.15, E – Il mensile presenterà i servizi, le tematiche e i linguaggi della rivista con particolare attenzione alla comunicazione multimediale.
Con Maso Notarianni, Assunta Sarlo, Angelo Miotto, Christian Elia, Gabriele Battaglia, Gianluca Cecere, Mario Dondero.

Nato con l’intento di approfondire in modo sistematico e coerente lo stretto legame che unisce la comunicazione, la fotografia e l’etica, il Festival propone un percorso visuale eterogeneo sviluppandolo attraverso le strade della città, tra mostre, workshop, proiezioni e dibattiti.
L’indagine etica perseguita attraverso lo sguardo dei più grandi fotografi internazionali è lo strumento con il quale il Gruppo Fotografico Progetto Immagine, l’associazione culturale che ha dato vita quest’evento, ha deciso di costruire le tappe di questo percorso di tre giorni.

In un elettivo equilibrio tra sguardo sul mondo e indagine solipsistica, due grandi installazioni fotografiche: “The Julie Project” di Darcy Padilla, un lavoro che si pone l’obiettivo di raccontare diciotto anni della travagliata vita di una ragazza americana tra droga, abusi e povertà e “Climate Change by NOOR” il colossale progetto della prestigiosa agenzia olandese che affronta attraverso due sguardi, quello delle conseguenze dell’impatto umano sull’ambiente e quello delle soluzioni, le problematiche ambientali in diverse zone del pianeta.
Saranno presenti anche, come nelle passate edizioni, le ONG che con il loro lavoro di comunicazione attraverso le immagini rappresentano un nodo fondamentale nella comprensione del rapporto tra reportage ed etica.
Tra gli i tanti appuntamenti del Festival, sono da segnalare le quattro serate tematiche:
– Invision Images, photocollective greco, racconterà attraverso le immagini dei suoi lavori l’attualità della Grecia.
E – Il mensile presenterà i servizi, le tematiche e i linguaggi della rivista con particolare attenzione alla comunicazione multimediale.
Franco Pagetti, noto fotogiornalista di guerra italiano, presente da oltre vent’anni nei principali luoghi di conflitto mondiali, porterà attraverso le sue immagini la propria testimonianza.
Cesuralab, il photocollective italiano noto per la sua sperimentazione della comunicazione e attento alle nuove estetiche fotografiche, propone una serie di interessanti videoproiezioni.

Non sarà da meno lo spazio dedicato ai giovani fotografi emergenti.
Alberto Maretti presenterà “Gyumri il terremoto che continua”, un fotoreportage realizzato in Armenia che mostra la città di Gyumri un quarto di secolo dopo il terremoto.
Bieke Depoorter, vincitrice nel 2009 del Premio “Magnum expression” e del Photo Academy Award nella categoria GUP, e nel 2010 del “Sony World Photography Awards”, esporrà “Forse domani”, uno sguardo sulla vita quotidiana delle persone che passa per il ritratto del loro ambiente di vita.
João Pina, finalista nel 2010 per il premio “Henri Nannen”, premio “Cura” e “Alexandra Boulat Grant”; pubblica su testate di fama mondiale quali New York Times, The New Yorker, Time Magazine.

Per tutti gli altri eventi e le iscrizioni ai workshop e alle letture portfolio:
www.festivaldellafotografiaetica.it

 

Credits gallery:
1) Giampaolo Musumeci
2) Cesuralab – Gabriele Micalizzi
3) Darcy Padilla
4) Tendance Floue – Bieke Depoorter
5) Franco Pagetti
6) Noor – Alixandra Fazzina
7) Noor – Yuri Kozyrev
8) Joao Pina
9) Joao Pina