home » diritti » Barletta, lasciato morire sui binari: denunciato capotreno

Barletta, lasciato morire sui binari: denunciato capotreno

18 April 2012versione stampabile

Il capotreno lo ha visto mentre agonizzava ma ha ordinato al macchinista di rimettere in moto il treno. La Polfer e la procura di Trani indagano per scoprire cosa è accaduto veramente la sera del 19 febbraio, quando il regionale 8349 in viaggio da Foggia a Bari, entrando nella stazione di Barletta, si è fermato poco prima di entrare in stazione: c’era un uomo che sembrava dormisse, lungo i binari. In realtà stava morendo: il capotreno e due passeggeri sono scesi ma non hanno aspettato i soccorsi. Il treno è partito subito dopo. L’uomo respirava ancora.

Si trattava di Jillali Motaki, 47 anni, marocchino privo di permesso di soggiorno, lavavetri a Barletta. Motaki era stato medicato al pronto soccorso di Barletta per una caduta che gli aveva procurato una estesa ferita alla testa e l’aveva lasciato incosciente. La Polfer ha denunciato le tre persone per omissione di soccorso, mentre bisognerà accertare quali sono state le procedure di soccorso attuate da Rete ferroviara italiana e Trenitalia. La Polfer chiede a chiunque abbia visto qualcosa e possa aiutare a chiarire le circostanze in cui è morto Motaki a farsi avanti contattando lil numero 080.5222901 (Polfer) o inviando una mail all’indirizzo comppolfer.pg.ba@poliziadistato.it.