home » esteri » Libano, nuovi scontri tra anti e pro siriani: 2 morti e 18 feriti

Libano, nuovi scontri tra anti e pro siriani: 2 morti e 18 feriti

21 May 2012versione stampabile

E’ di due morti e diciotto feriti il bilancio di una notte di scontri a Beirut. Le violenze sono scoppiate tra gruppi pro e anti siriani a seguito dell’uccisione di due sceicchi appartenenti al partito d’opposizione dell’ex premier Hariri. I due, vicini a esponenti della resistenza siriana, sarebbero stati uccisi ad un checkpoint da soldati dell’esercito libanese.

In risposta all’accaduto centinaia di sostenitori di Hariri sono scesi in piazza bloccando strade e bruciando macchine. Nel distretto di Tariq al-Jadideh, nel sud di Beirut, l’ufficio di un leader pro-siriano è stato preso d’assalto da un uomo armato e, secondo il corrispondente della Bbc, Jim Muir , durante la notte si sarebbero uditi rumori di granate e mitragliatori.

Gli scontri sono i primi a Beirut dall’inizio della crisi siriana e arrivano all’indomani di quelli avvenuti tra sunniti e alawiti che, negli ultimi sette giorni, hanno infiammato Tripoli (nel sud del Libano). Beirut e Damasco hanno sempre avuto destini politici interconnessi. La Siria, le cui truppe sono rimaste in Libano per oltre ventinove anni, continua a mantenere una profonda influenza politica su tutto il Paese.