home » esteri » americhe » Canada, arrestati 84 studenti. Governo Quebec avvia negoziato

Canada, arrestati 84 studenti. Governo Quebec avvia negoziato

29 May 2012versione stampabile

A seguito di ulteriori proteste avvenute nei pressi di uno snodo automobilistico, la polizia del Quebec ha arrestato 84 manifestanti nella tarda serata di ieri, dopo che rappresentanti del governo hanno incontrato la leadership del movimento studentesco che, da oltre tre mesi, protesta contro il proposto aumento delle tasse universitarie. Gli studenti sono stati arrestati perché ostacolavano il traffico, secondo quanto riportato da un agente di polizia. Il governo della provincia canadese ha avviato il negoziato con gli studenti per cercare di porre fine alle proteste che vanno avanti da quattro mesi e sono spesso sfociate nelle violenze. Ulteriore motivo di preoccupazione è costituito dal Gran Premio di Formula Uno che si terrà a Montreal il prossimo mese.

One Response to Canada, arrestati 84 studenti. Governo Quebec avvia negoziato

  1. Chantal Dumont

    22 June 2012 at 13:23

    INVITO AI CITTADINI

    Domenica 24 giugno, ore 17.30

    IN PIAZZA CASTELLO SBARCA LA PRIMAVERA QUEBECCHESE

    Per lanciare un segnale di solidarietà agli studenti e i cittadini quebecchesi, un presidio sotto forma di concerto di pentole (ispirato ai cacerolazos cileni) si terrà in Piazza Castello, domenica 24 giugno alle ore 17.30. Nell’ambito di un evento mondiale, che si terrà contemporaneamente in oltre 20 città del mondo, il Global Resistance Day – in solidarity with Quebec and all struggling people**, i cittadini milanesi e non solo sono invitati a riaffermare la necessità di un libero accesso all’università, la pericolosità della mercificazione del sapere e l’urgenza di proteggere i diritti fondamentali garantiti dalle carte internazionali. Consideriamo queste rivendicazioni come universali, e la crisi che vive il Québec testimonia che nessuna democrazia è al riparo da derive autoritarie.

    Pagina FB – http://www.facebook.com/events/349683621772205/

    L’ONU ha recentemente qualificato come ”allarmante” la crisi sociale che vive il Québec da ormai 4 mesi*. Amnesty International ha anche espresso preoccupazione riguardo le restrizioni del diritto di manifestazione contenute nella legge speciale 78, varata il 18 maggio scorso dal governo del Québec. La provincia canadese è scossa da proteste duramente represse dalle forze dell’ordine e vive un conflitto sociale senza precedenti nella storia dell’intero paese.

    Durante questa ”Primavera dell’Acero” in Québec sono state arrestate circa 3000 persone con metodi antidemocratici: arresti arbitrari, di massa, ”preventivi”, persecuzione politica legata al quadratino rosso (simbolo della protesta), arresti di giornalisti, di un deputato e della figlia di 19 anni. I violenti scontri hanno provocato decine di feriti e 2 studenti hanno perso un occhio. La polizia utilizza metodi violenti e non necessari come lo spray al peperoncino, i gas lacrimogeni, fucili con pallottole di gomma e granate stordenti antisommossa davanti a folle che manifestano pacificamente e festivamente.

    Il conflitto è nato dalla volontà del governo quebecchese di Jean Charest di aumentare le tasse universitarie del 75% (+CAD 1.625$ su 5 anni). Gli studenti hanno reagito alla drastica misura con uno sciopero che ha riunito più di 300.000 di loro al suo culmine il 22 marzo. Davanti al rifiuto del governo di dialogare con i rappresentanti universitari e al disprezzo dimostrato più volte nei loro confronti, e dopo l’adozione della legge speciale che restringe e punisce severamente il diritto di manifestazione e di associazione, anche la società civile si è unita al movimento. Le manifestazioni storiche del 22 aprile e del 22 maggio hanno visto circa 250.000 persone sfilare nelle strade di Montréal. Il Québec conta 8 milioni di abitanti.

    ————–

    * L’organismo UN Watch tiene sotto osservazione anche la Siria, il Pakistan e lo Zimbabwe: sono gli unici altri paesi a meritare la qualifica di situazione “allarmante” insieme al Québec.

    ** Pagina FB Global Resistance Day – http://www.facebook.com/events/394006377312364/