home » esteri » asia e pacifico » Pakistan, forse n.2 di Al Qaeda tra vittime droni Cia

Pakistan, forse n.2 di Al Qaeda tra vittime droni Cia

5 June 2012versione stampabile

Secondo la Cia ci sarebbe anche il numero due di Al Qaeda, Abu Yahya al-Libi, tra le 15 persone rimaste uccise nel bombardamento missilistico condotto nella notte da droni Usa sulla regione pachistana del Nord Waziristan.

Un Predator ha lanciato due missili contro un compound nell’area di Khaisu a Mir Ali, e un altro ha colpito, pochi minuti dopo, un veicolo nella stessa area. Rimane ignota l’identità dei presunti militanti islamici uccisi. Negli ultimi tre giorni si sono verificati tre attacchi nel Nord e Sud Waziristan che hanno causato un totale di 28 vittime.
Fonti talebane pachistane riferiscono che al-Libi non si trovava in zona.

Nelle stesse ore del raid Usa, un gruppo armato ha attaccato un avamposto dell’esercito pachistano nella Mohmand Agency, al confine con l’Afghanistan, scatenando una dura reazione da parte delle forze di sicurezza pachistane che hanno ucciso almeno 20 militanti.
Altri 10 militanti erano rimasti uccisi ieri in bombardamenti di caccia governativi contro le basi del Tehrik-eTaleban-e Pakistan (Ttp) nella valle di Tirah, nella Khyber Agency.

One Response to Pakistan, forse n.2 di Al Qaeda tra vittime droni Cia

  1. Aglieglie Bratsorf

    5 June 2012 at 09:37

    In dieci anni sono stati uccisi almeno venti “numeri due” di Al Quaeda, tutti con dei bei nomi coniati per l’occasione: Al Zarqawi, Al Tikriti, Al Baghdadi, Al Libi, Al Newyorki, Al Clintoni, Al Obami, Al Bushi, Al Condolezzi, Al Rumsfeldi, Al Jaziri, Al Arabiy, Al Blairi, Al Sarqozi… L’unica cosa vera sono le centinaia di morti che i droni di Obamort hanno fatto per cogliere nel mucchio questi fantasmatici venti numeri due.