home » esteri » americhe » Florida, impresa brasiliana fa ricorso contro una legge anti-Cuba

Florida, impresa brasiliana fa ricorso contro una legge anti-Cuba

6 June 2012versione stampabile

Stella Spinelli

La succursale statunitense dell’impresa brasiliana di costruzione Odebrecht ha presentato un ricorso contro una legge della Florida che andrà a radicalizzare la legislazione contro Cuba, inasprendone il già drammatico embargo.

 

Rick Scott, governatore della Florida. Foto di Joe Raedle/Getty Images

Questa legge impone a ogni istituzione locale di mettere al bando qualsiasi impresa che faccia anche affari con Cuba o con la Siria. Nessuna di queste aziende potrà mai vincere una gara d’appalto e aggiudicarsi nessun contratto pubblico.

Il governatore repubblicano Rick Scott ha spiegato questa iniziativa affermando che i soldi dei suoi contribuenti non dovranno mai essere usati a supporto di dittature. Una posizione che secondo la Oderbrecht Usa è incostituzionale, perché basata su questioni di politica estera che non spettano ai singoli Stati. È solo il governo federale che può – in base alle leggi statunitensi – approvare leggi che hanno a che fare con gli affari esteri.

La norma in questione è stata approvata in Florida lo scorso mese e entrerà in vigore a partire dal primo luglio. A lanciarla sono stati i repubblicani, notoriamente rappresentati in larga parte dagli esuli cubani di Miami.

Odebrecht è una grande compagnia che opera in più di cento paesi nel mondo, inclusa Cuba, dove sta ampliando il Porto di Mariel, nei pressi dell’Avana, mentre la sua succursale Usa mai è stata impegnata in progetti a Cuba.

“Faremo ricorso semplicemente per difendere il nostro diritto a servire lo Stato della Florida e i suoi governi locali”, ha precisato il portavoce della compagnia.