home » disarmo » Italia, la spending review che colpisce i Carabinieri

Italia, la spending review che colpisce i Carabinieri

11 June 2012versione stampabile

A.G.

La revisione delle spese dello Stato, che ultimamente ha interessato diversi settori, oggi tocca anche l’arma dei Carabinieri. Secondo le stime effettuate dal Comando Generale dei Carabinieri, con le misure decise si potrebbero risparmiare circa 13 milioni di euro.

VINCENZO PINTO/AFP/GettyImages

E allora via ai tagli iniziando dalla dismissione di vecchi elicotteri che solo di manutenzione avevano costi esorbitanti. Via anche dalle strutture in affitto laddove il costo del canone è davvero eccessivo. Per la loro sostituzione si pensa all’utilizzo di strutture sequestrate alle organizzazioni criminali oppure a sedi a un costo minore di affitto. Un esempio per tutti riguarda la caserma di Via Vittorio Veneto a Roma, universalmente riconosciuta come l’anima della “dolce vita” e zona di Roma ricca di alberghi lussuosi, non distante da ministeri e dalla sede diplomatica Usa. Il canone troppo elevato ha consigliato all’arma di traslocare e trasferirsi in una struttura di proprietà demaniale. Il presidio, indispensabile per la zona, resterà. Cambierà solo indirizzo

Verranno dismessi anche molti natanti. In “servizio” rimarranno le motovedette d’altura, utili per combattere il fenomeno dell’immigrazione illegale e come servizio per le isole del Paese. In tema d’acqua tagli sono previsti anche per i nuclei subacquei: rimarranno attivi solo tre sezioni in tutto il Paese. Per il resto si aprirà una collaborazione con la Polizia di Stato

Talmente elevati i costi per il mantenimento dei cavalli che quattro squadre in tutta Italia verranno smantellate. La riduzione della squadra dei Corazzieri sarà dunque, ridimensionata: si risparmieranno spese relative alle stalle per i cavalli, per i veterinari, per il cibo.

In aiuto alla sforbiciata arriva la tecnologia. Alcuni programmi informatici sviluppati appositamente consentiranno la riduzione di reparti di comando logistici e amministrativi. I carabinieri che verranno sostituiti dalle macchie andranno a alimentare le squadre presenti per le pattuglie stradali.

La forbice dei tagli guarderà anche le bollette dei telefoni e i vari canoni di linee Isdn e Adsl. Probabilmente tutto questo verrà sostituito con reti digitali satellitari, più nuove, efficienti e a minor costo.