home » italia » Italia, ddl anticorruzione: votata anche la terza fiducia al governo

Italia, ddl anticorruzione: votata anche la terza fiducia al governo

13 June 2012versione stampabile

l ministro della Guistizia Paola Severino (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Con 430 sì, 70 no e 25 astenuti la Camera ha approvato anche l’ultimo articolo del ddl anticorruzione sul quale il governo aveva messo la fiducia. Si tratta dell’articolo 14 che introduce un nuovo reato, la corruzione tra privati. Viene così modificato l’articolo 2635 del Codice Civile. La pena prevista è la reclusione da uno a tre anni. Domani mattina la seduta riprenderà con le dichiarazioni di voto. Il governo Monti ha superato quindi la prova dei tre voti di fiducia ma non tutti i partiti sono soddisfatti. Il Pdl si aspetta modifiche al testo in Senato.

One Response to Italia, ddl anticorruzione: votata anche la terza fiducia al governo

  1. wavettore

    13 June 2012 at 20:24

    Nuovo sistema penitenziario
    Anziché stare in prigione, tutti quelli giudicati colpevoli avrebbero una singola possibilita’ per riabilitarsi. Potrebbero lavorare per ditte private o pubbliche mentre pochi agenti possono sorvegliare i loro movimenti osservandoli da un computer. I condannati avrebbero inserito sotto la loro pelle un microchip che permetterebbe un loro rapido arresto in caso di tentata fuga. Farebbero un lavoro comunitario oppure lavorerebbero, se possibile, nelle loro stesse funzioni come prima dei loro reati ma lavorerebbero senza alcuna paga per la durata del termine della sentenza. Sarebbero fornite ai criminali soltanto le necessità per la sopravvivenza. Le ditte che assumono i condannati potrebbero trarre beneficio dalla possibilità di pagare soltanto un piccolo stipendio per il lavoro effettuato dagli stessi condannati. Il reddito che proviene dagli stipendi sarebbe totalmente usato per rimborsare le vittime dei crimini commessi. Una volta espiata la condanna, il condannato sarebbe più facilmente reintegrato nella società lavorativa e sarebbe meno incline a diventare un criminale perpetuo. Qualora il condannato abusasse del privilegio (tentando una fuga od altro) confermerebbe di essere irrecuperabile e perderebbe per sempre il privilegio di vivere con il resto della societa’.

    http://www.wavevolution.org