home » disarmo » La corsa ai superdroni

La corsa ai superdroni

21 June 2012versione stampabile

Enrico Piovesana

Il presidente russo Vladimir Putin ha deciso di sfidare la supremazia tecnologica americana nel campo degli aerei da guerra teleguidati, stanziando un investimento pluriennale da 10 miliardi di euro per dotarsi entro il 2020 di una flotta di droni cacciabombardieri ‘made in Russia’ in grado di competere con quelli statunitensi di ultima generazione.

Buona parte dei fondi del Cremlino sono destinati ad aggiornare il progetto del Mig Skat (‘manta’ in russo): il superdrone stealth che la Mikoyan sta sviluppando insieme alla Sukhoi per competere con gli americani Phantom Ray, X-47B e Rq-170 Sentinel (rispettivamente della Boeing, della Northrop Grumman e della Lockheed Martin), con il britannico Taranis (Bae Systems) e con l’europeo Neuron (Dassault-Saab-Eab-Ruag-Eads-Alenia).

Non stiamo parlando dei vecchi droni tipo Predator o Reaper: alianti a elica che portano qualche missile sotto le lunghe ed esili ali, buoni solo per missioni di un certo tipo. I superdroni stealth di cui le superpotenze militari mondiali si vogliono dotare sono sofisticati velivoli dall’aspetto fantascientifico in grado di sostituire in tutto e per tutto i più avanzati cacciabombardieri stealth intercontinentali con pilota: sia come prestazioni che come carico distruttivo.

Pure la Cina starebbe lavorando a prototipi di questo genere, anche grazie – almeno così sospettano al Pentagono – alla tecnologia Usa acquisita studiando il rottame dell’Rq-170 Sentinel americano abbattuto in Iran alla fine 2011, e che gli ayatollah avrebbero gentilmente prestato agli ingegneri militari di Pechino. Il super-drone cui Pechino sta lavorando in gran segreto si chiamerebbe Feng Ren.

E se si muove il dragone, la tigre non sta a guardare. Il drone cacciabombardiere stealth cui sta lavorando l’India si chiama Aura. Costruito dai laboratori di ingegneria aeronautica militare di Bangalore, il velivolo è stato testato con successo alla fine del 2011 e ora è in fase di sviluppo.

Ma anche sui più piccoli e meno evoluti droni tradizionali si è scatenata una corsa che vede impegnati soprattutto Paesi che sanno di essere nel mirino di Washington ma che non sono così ricchi da potersi permettere i superdroni. E’ il caso dell’Iran, con il suo drone Karrar, o del Venezuela, che ha recentemente presentato l’Arpia-001, costruito grazie all’assistenza degli ingegneri iraniani.

3 Responses to La corsa ai superdroni

  1. Giuseppe

    21 June 2012 at 07:25

    é aperta la caccia…….
    E io perchè no?
    Diamo una forza a questo schianto planetario.
    Tanto il sistema anche da un punto matematico si sistema da sè.
    Peccato che a rimetterci sono anche gli uomini che non si dimenticano dei propri simili e non li abbandonano qundo sono messi male come fanno gli animali per sopravvivere, i quali però anche da un punto di vista dello sfuttamento sono da rispettare.
    Giuseppe

  2. CONCETTA

    21 June 2012 at 17:07

    dobbiamo dare ragione all ormai defunto gregory bateson superlativo ma pessimista?

  3. Alberto62

    2 July 2012 at 09:54

    Temo che l’ultimo treno per la pace mondiale o almeno per l’inizio di un disarmo serio, l’umanità lo abbia perso negli anni successivi al 1989. Oppure sono io che mi illudevo nella possibile buona volontà dei governanti dell’epoca. Finita la £à guerra mondiale (la guerra fredda) è iniziata la 4°, contro l’umanità (il “Sub” docet).
    Spero solo di essere troppo pessimista io!