home » economia » Europa, verso il Tesoro Ue

Europa, verso il Tesoro Ue

26 June 2012versione stampabile

Le autorità europee hanno svelato la loro visione per il futuro monetario dell’Unione, uno scenario in cui si prendono poteri molto maggiori.
L’hanno fatto in un documento diffuso dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, che l’ha redatto con i presidenti della Commissione europea, l’Eurogruppo e la Banca centrale europea (Draghi-Barroso-Juncker).

Prevede la creazione di un Tesoro europeo, che avrebbe potere sui bilanci nazionali. Sostiene inoltre che una maggiore unione fiscale tra i Paesi di Eurolandia potrebbe determinare l’emissione di titoli del debito comune, cioè gli eurobond che non piacciono alla cancelliera tedesca, Angela Merkel.
Si prefigura anche l’unione bancaria, con un regolatore unico europeo e un sistema unificato di garanzia dei depositi.

Van Rompuy ha dichiarato che il documento “non è destinato a essere un progetto finale”, ma serve “a raggiungere una comprensione comune tra di noi sul modo di procedere” al vertice Ue di giovedi.

Le proposte contenute nella relazione comprendono:

  • Limiti sulla quantità di debito che i singoli Paesi possono assumere
  • La possibilità di porre il veto ai bilanci nazionali, se è probabile che questi si traducano in un superamento dei limiti di debito
  • La possibilità che sia “esplorata” l’emissione di debito comune
  • La creazione di un ufficio europeo di tesoreria che controlli il bilancio centrale e monitori quelli nazionali
  • Un regolatore unico bancario europeo e un sistema comune di garanzia dei depositi bancari
  • Politiche comuni in materia di regolamentazione del lavoro e dei livelli di tassazione
  • Processo decisionale congiunto con i parlamenti nazionali per dare “legittimità democratica” alle nuove misure.