home » blog » Aria musicale condizionata

Aria musicale condizionata

11 July 2012versione stampabile

Fa calduccio, eh? Siete tutt’uno con il ventilatore, anzi con due piazzati come casse stereo? Vi contorcete per afferrare quanto più fresco possibile dal condizionatore? Lottate contro le finestre che sbattono fregandosene che le abbiate aperte per creare un refolo di corrente? Un sorriso di beatitudine attraversa il vostro viso mentre immergete i piedi in una bacinella riempita di cubetti di ghiaccio saccheggiati dal freezer? Calma. Il caldo va affrontato con indifferenza, flemma, lentezza. E con la musica giusta.

Sotto il getto delle tante docce quotidiane, sarà per voi colonna sonora refrigerante e rilassante la mistica che spira dal lavoro di Girolamo De Simone, Inni e antichi canti. Il compositore napoletano, classe 1964, ha realizzato un album raffinato e di estrema delicatezza, che è lui stesso a presentare così “Gli Inni nascono da antichissimi frammenti vocali orientali e occidentali…dalle seduzioni arcaiche della terra vesuviana e beneventana… Mescolando, ibridando, reinventando temi e modi, al di là del tempo e dello spazio, queste composizioni lasciano assaporare una sorta di attualissima e arcaica nostalgia…”. De Simone esegue le dodici tracce avvalendosi di un pianoforte Steinway e Sons e di una spinetta Neupert. Chiudete gli occhi, e unite il frusciare dell’acqua allo splendido Antico canto siriano, oppure a L’inno di Giovanni.

Mentre vi servite, al termine della giornata, una birra o un vino bianco, il chitarrista Waldemar Bastos vi porterà ad alta quota grazie a un piccolo capolavoro chiamato Classics of my soul. L’anima di Waldemar è divisa tra l’Angola, dove è nato, e il Brasile, che lo ha fatto sbocciare artisticamente, fino a meritargli un posto di primo piano e la collaborazione con artisti quali Ruichi Sakamoto, Arto Lindsay, Brian Eno, David Sylvian. Tradizione d’Africa e modernità europea sono i punti di riferimento di tutto il suo lavoro musicale, che nell’ultimo album si divide tra classici della musica angolana e sei inediti, con le magistrali tastiere di Derek Nakamoto e la London Symphony Orchestra. Ascoltate M’biri M’biri. Da Bastos non vi staccherete più.

Un alito di vento, un soffio sottile, attraversano Vivid Colour dei Lips against the glass, giovane band elettronica e indie bolognese. Confessiamo di non coltivare con assiduità questo campo musicale, magari anche per cause anagrafiche, eppure l’album ci ha sorpreso. L’elettronica evoca freddezza, e questo ci sta. Ma i ragazzi petroniani la circondano di una spiazzante dolcezza, la liquefanno in dimensioni rarefatte eppure emotive, le infondono una purezza cristallina che funziona da calamita. I testi in inglese, purtroppo non tutti decodificabili a causa della mancanza di un booklet allegato (gli indipendenti, si sa, fanno fatica con i soldi), seguono fedelmente il concetto alla base dell’album.

Adesso è notte, il caldo molla un po’. Rispondete al vicino di casa che spara l’audio della tv infischiandosene delle finestre aperte, con l’ultima e bella fatica dei Dissòi Lògoi, NYX, notte in greco antico. I Dissòi è gente seria; che riflette, elabora, cerca una traccia unitaria sulla quale articolare le tracce di ogni album prodotto. Eccoli qui, allora, a dirci, di questo NYX “… una serie di brani apparentemente distanti tra loro, ma tutti con una matrice umbratile, quasi notturna, che li accomuna… Abbiamo preso alcuni libri che avevamo letto o che stavamo leggendo, e abbiamo aperto le pagine casualmente a leggerne dei passi, finché non sentivamo quella che più si adeguava al brano”. Spegnete le luci, lasciate che Madre Notte, Odisseo, L’approdo, vi facciano indossare ampie ali musicali per bucare il cielo afoso della città.

 

Info

– Girolamo De Simone, Inni e canti antichi (Hana Gora Music/Konsequenz)

Info e acquisto: konsequenz.it

-Waldemar Bastos, Classics of my soul (Enja/Egea Distribution)

Info e acquisto: egeamusic.it

– Lips against the glass, Vivid Colour (Lunatik/New Model Label)

Link: lipsagainstglass.bandcamp.com

– Dissòi Logòi, NYX (Auditorium/Mirani Records)

Info e acquisto: dissoilogoi.com